Rosaria Piccinno è stata intervistata anche dalla trasmissione Agorà (Rai Tre)
Rosaria Piccinno è stata intervistata anche dalla trasmissione Agorà (Rai Tre)

Modena, 17 ottobre 2017 - «Finalmente una giornata di scuola serena». Tira un sospiro di sollievo Rosaria Piccinno dopo aver parlato con la figlia all’uscita dalla scuola primaria Anna Frank del Comprensivo 10. Oggi era il primo giorno di scuola della piccola di 6 anni e mezzo dopo il burrascoso trasferimento dalla Cittadella, dove era l’unica italiana in una classe di 18 stranieri. Il caso - «risolto anche grazie e soprattutto al Carlino», sottolinea la madre - è stato al centro della trasmissione Agorà andata in onda ieri mattina su Rai Tre.

Leggi anche: Il caso simile a Bologna e la protesta di una mamma

«Maddalena (nome di fantasia) all’uscita di scuola era felicissima per come è andata la giornata. Basti pensare che è già riuscita ad accordarsi con due compagne di classe per fare i compiti insieme e vedersi al pomeriggio. Incontri che erano impossibili invece nell’altra scuola, dove veniva emarginata da tutti. La ragione? Ora posso dirlo chiaramente: perché è cattolica. Nessuno la invitava e nessuno accettava i suoi inviti. E per questo ci soffriva molto e manifestava segni di tristezza». Ora per la bimba è iniziata «una nuova vita. Sono molto soddisfatta per la scelta». Rosaria è andata a prendere la piccola davanti ai cancelli «e quando l’ho vista uscire col sorriso stampato in volto mi sono venuti gli occhi lucidi. In queste settimane abbiamo subito tutti una forte pressione. Me ne hanno dette di ogni. Sono persino stata offesa e minacciata da altri genitori, addirittura l’ultimo giorno mi sono venuti ad aspettare davanti alla Cittadella. Mi figlia è poi stata presa di mira da una compagna di classe. Ma ora è tutto finito. Ora può concentrarsi su studio e amiche, come è giusto che sia alla sua età».

La mamma ieri ha incontrato alcune insegnanti della primaria Frank: «Mi hanno illustrato i programmi didattici. E poi mi hanno detto che Maddalena è una bimba aperta agli altri, intelligente, curiosa e che socializza facilmente: si è inserita bene nella classe con i nuovi compagni». «Non potevo fare una scelta migliore», rimarca la donna che ha lottato a lungo per fare comprendere la difficile situazione. «All’inizio venivo guardata come se fossi una razzista - riflette - e ho impiegato del tempo per far capire che io non ce l’ho con gli immigrati. Io volevo semplicemente discutere nel merito dei problemi: i ritardi sulla didattica e i problemi d’integrazione. E quindi tutelare la mia piccola. Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire». Nella nuova classe «gli stranieri sono la metà. Ma questo non è un problema perchè la percentuale con gli italiani è equilibrata. Ed è esattamente l’obiettivo da raggiungere sull’intero territorio modenese. Le scuole ghetto sono dannose non solo per i bambini italiani ma anche per gli immigrati che difficilmente in questo modo riusciranno a integrarsi».