Sicurezza e migranti Muzzarelli da Piantedosi: "Tensioni pesanti, ci servono più agenti"

L’incontro martedì a Roma. Il ministro sarà a Modena il 21 luglio

Sicurezza e migranti  Muzzarelli da Piantedosi:  "Tensioni pesanti,   ci servono più agenti"

Sicurezza e migranti Muzzarelli da Piantedosi: "Tensioni pesanti, ci servono più agenti"

Dalla rinnovata richiesta di potenziare organici e forze di polizia per contrastare la criminalità e le infiltrazioni mafiose alla preoccupazione per la ripresa incontrollata di arrivi non programmati di richiedenti protezione internazionale. Sono tra i principali temi messi sul tavolo del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi dal sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli ricevuto al Viminale martedì pomeriggio. Il sindaco Muzzarelli, che anche nelle scorse legislature ha sempre cercato di mantenere saldi rapporti con il Viminale ("i rapporti tra le Istituzioni sono fondamentali") già a novembre, in un primo colloquio con il ministro Piantedosi si era fatto portavoce delle istanze di sicurezza di tutto il territorio modenese.

"Modena ha tensioni pesanti sulla sicurezza", afferma il sindaco che nell’incontro di martedì ha rinnovato al ministro l’alta richiesta di sicurezza proveniente da Istituzioni locali e cittadini. Al Governo il sindaco ricorda gli impegni assunti con il Patto Modena città sicura chiedendo uno sforzo concreto a tutela di un tessuto socio-economico sano e trainante per l’intera economia nazionale, quale quello modenese.

Il ministro Piantedosi lo ha ascoltato e ha accettato l’invito del sindaco e il 21 luglio, in occasione dei 25 anni del Patto Modena città sicura, verrà in città. sarà l’occasione "per toccare con mano criticità e problemi che ogni giorno ci troviamo ad affrontare e per discutere insieme alle Istituzioni locali delle soluzioni", precisa Muzzarelli che durante l’incontro a Roma ha condiviso con il ministro preoccupazioni e priorità.

Innanzitutto, la questione dell’elevamento di fascia della Questura e soprattutto ciò che comporta in termini di aumento reale, e non solo sulla carta, di organici e personale di Polizia per far fronte ai problemi di criminalità, ma anche al maggiore sforzo a cui sono chiamati per la consistenza dei flussi migratori. Questo l’altro grande tema in discussione: "Chiediamo trasparenza e un’equa distribuzione sui territori perché la situazione è insostenibile con un aumento, rispetto all’anno precedente, degli arrivi di richiedenti protezione internazionale addirittura del 717 per cento nel modenese".

Tra gli altri temi all’ordine del giorno nell’incontro con il ministro, il sindaco sottolinea: "la questione del posto integrato di Polizia, strettamente collegato alla critica situazione del parco Novi Sad, ma anche il progetto Strade sicure, che ha visto diminuire i militari impiegati in città; il piano nazionale per la costruzione di alloggi per le Forze dell’ordine che sta vedendo Modena fare la propria parte, le problematiche e la carenza di mezzi con cui fanno i conti i vigili del fuoco; la situazione delle 3.000 persone ucraine accolte sul territorio provinciale; la questione Msna (minori stranieri non accompagnati) su cui Modena sta cercando di attuare buone prassi d’integrazione attraverso la formazione al lavoro e infine la necessità di risorse per dare posti letto agli stranieri che in città lavorano regolarmente ma non hanno un tetto sopra la testa".

Rincara la dose il Pd per voce del capogruppo Antonio Carpentieri: "È indispensabile una vera politica di gestione della migrazione. Stiamo parlando di persone che necessitano di progetti e attenzioni: le quantità fanno la differenza sia per gli interessati sia per le comunità locali che devono e sanno accogliere come la nostra. Il Governo deve ripensare completamente all’organizzazione dell’accoglienza e soprattutto non distribuire le persone solo (o quasi) in determinati territori. Del resto era il Governo che aveva assicurato la soluzione del problema migratorio, la difesa dei confini e la sicurezza per tutti".