Quotidiano Nazionale logo
17 giu 2021

Vaccino italiano Evax, collabora anche Igea

L’azienda carpigiana ha sviluppato la tecnologia dell’elettroporazione utilizzata per il preparato

featured image
Vaccino Evax, collabora anche Igea

Parla anche ‘carpigiano’ il nuovo vaccino italiano Covid-eVax: prodotto dalle aziende Takis e Rottapharm Biotech, si avvale anche della tecnologia dell’impresa carpigiana Igea, azienda biomedicale specializzata in terapie ortopediche, terapie oncologiche e terapie geniche. Igea, di cui è presidente e fondatore Ruggero Cadossi, nello specifico produce il medical devices, unici in Italia, per la somministrazione del vaccino. "Siamo indubbiamente contenti e soddisfatti – spiega il vice presidente, Matteo Cadossi (nella foto) – sia dal punto di vista professionale che personale. In questi anni ci siamo specializzati nell’ambito oncologico; poter essere ‘utili’ anche a livello di constato della pandemia da Covid ci rende molto orgogliosi". Quello che cambia è il concetto stesso del vaccino: non più quelli basati su vettori virali, ma altri ‘privilegiati’, che non contengono il virus. Siamo abituati ora a Pzifer e Moderna, che usano la tecnologia a mRNA e "danno direttamente alle cellule le istruzioni per produrre la proteina spike per la creazione di anticorpi". L’alta tecnologia ora punta direttamente sul Dna che "fornisce il libretto di istruzioni per arrivare alla proteina, passando da Dna a Rna, affinchè l’organismo riconosca gli anticorpi". Quali i vantaggi? "Il Dna – risponde Matteo Cadossi – è più stabile, meno costoso e più duraturo. Una volta che l’RNA viene inoculato, le cellule percepiscono il messaggio ma poi ‘distruggono’ le informazioni stesse una volta che si è creata la proteina. Il DNA penetra nella cellula del muscolo e resta per un periodo maggiore di tempo, prima di tradursi in proteina e quindi in anticorpi. Dunque, il sistema immunitario viene stimolato per un periodo più lungo". Lo ‘svantaggio’ però sta nel fatto che il Dna è più ampio come volume e dunque più difficoltoso è farlo penetrare nelle cellule. Da Igea, nello specifico, viene fornito lo strumento per l’inoculazione del vaccino che sfrutta ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?