Slot troppo vicine ai luoghi sensibili. Per il Tar vanno rimosse

Il Tar Emilia ha respinto il ricorso della tabaccheria di Fiorano, che dovrà rimuovere le slot non conformi alla norma regionale sul distanziometro. La legge prevede una distanza minima di 500 metri da luoghi sensibili.

La tabaccheria in via Flumendosa 76 a Fiorano dovrà rimuovere le proprie slot in quanto non conformi con la norma regionale sul distanziometro. A stabilirlo è la prima sezione del Tar Emilia, che ha respinto il ricorso dell’attività, contraria alla misurazione effettuata dal Comune, che ha riscontrato una distanza non conforme rispetto a un centro sportivo. La legge regionale del 2013, infatti, impone che ci sia una distanza minima di 500 metri dai cosiddetti “luoghi sensibili”, tra cui istituti scolastici, luoghi di culto, strutture residenziali e impianti sportivi. La decisione sarebbe riferita al "percorso pedonale più breve, calcolato prendendo in considerazione come punto di ingresso al luogo sensibile l’accesso principale e non quello sito in prossimità dei campi da tennis".