Uno ’stress test’ al sistema sanitario pubblico per capire la reale capacità di intercettare rapidamente i nuovi casi di Coronavirus. A chiederlo, in un’interrogazione, è la consigliera Giulia Gibertoni (Gruppo Misto), la cui proposta prende le mosse tanto dall’aumento dei nuovi contagi rilevato nei giorni scorsi, quanto da una ricerca della Fondzione Gimbe da cui emerge che personale e operatori sanitari sono categorie in cui la percentuale dei contagiati da Covid-19 è più alta che nel resto della popolazione: infatti, medici, infermieri e Oss rappresentano il 26% del totale dei nuovi contagi nei mesi di maggio e giugno.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale "come giudichi l’elevato e persistente numero di contagi del personale sanitario, per la pandemia ancora in corso, nelle strutture sanitarie e assistenziali del territorio regionale e quali ritenga siano i motivi di tali contagi, in particolare, in ambiente ospedaliero; quali siano i dati analitici esatti relativi alla distribuzione infraregionale del contagio in ambito sanitario, per contesto assistenziale e per ruolo e qualifica degli operatori contagiati e se sia stato eseguito uno studio finalizzato a comprendere il fenomeno del contagio in ambiente ospedaliero".