Manuela Messori
Manuela Messori

Modena, 27 marzo 2016 - Aveva appena realizzato il sogno della sua bambina, quello di avere un cagnolino tutto per sè. Un regalo di Pasqua speciale, tanto che una 31enne, ragazza madre, ieri mattina è andata di buon’ora al canile comunale e ha adottato il cucciolo. Neppure due ore dopo la tragedia; il cane è sfuggito all’abbraccio della piccola e si è diretto, correndo, proprio verso la tangenziale. A quel punto Manuela Messori, insieme ad un’amica, ha rincorso la bestiola per evitare che finisse schiacciata sotto un’auto. Ma ad essere investita e uccisa, per salvare il cagnolino della figlia, ironia della sorte, è stata proprio Manuela.

Il terribile incidente si è verificato ieri poco dopo le 14, sulla tangenziale Pirandello, a Modena, altezza dell’ uscita 14 in direzione Sassuolo. E’ stata un’auto condotta da un 35enne, una Renault Coupè, a travolgere la donna proprio sotto gli occhi impotenti dell’amica. Un impatto tremendo, che ha sbalzato la vittima a metri di distanza dall’urto, facendola rovinare a terra.

I sanitari hanno provato per oltre due ore a rianimare la giovane mamma ma, purtroppo, ogni tentativo è risultato vano. Un gesto d’amore che si è concluso in tragedia. Eppure la giornata per Manuela e per la sua bambina, di appena nove anni, era iniziata nel migliore dei modi. Niente scuola e l’intera mattinata dedicata all’arrivo di quel cagnolino tanto atteso. Mamma e figlia si sono così recate al canile comunale ed hanno scelto il loro cucciolo. Dopo di che Manuela ha caricato la figlia e il ‘nuovo arrivo’ in auto e si è diretta verso l’abitazione dell’amica, in via Barchetta, a poche centinaia di metri in linea d’aria dalla striscia d’asfalto su cui, due ore dopo, ha trovato la morte. Una volta arrivate a casa, il cagnolino è stato affidato alle cure della bambina. La piccola non ha potuto fare a meno di abbracciare forte il suo cucciolo ma l’animale, probabilmente spaventato dalle ‘troppe novità’ e non abituato alla nuova famiglia, è scappato dalle braccia della ragazzina.

Il cane ha iniziato a correre nel campo adiacente all’abitazione, incurante delle grida di richiamo delle due donne. Quando Manuela e l’amica si sono accorte che l’animale si stava dirigendo proprio verso la tangenziale, hanno rassicurato la bimba ed hanno iniziato a rincorrerlo. Vedendolo attraversare il fosso, entrambe hanno deciso a loro volta di ‘saltare’ sulla carreggiata, per impedire che il cucciolo finisse sotto una macchina. Manuela ce l’aveva quasi fatta. Il cagnolino era proprio davanti a lei quando l’auto l’ha falciata, strappandole la vita. Nulla si sa del cagnolino se non che una mamma ha sacrificato la vita per salvare la sua.