Quotidiano Nazionale logo
18 mar 2022

Tentano la spaccata al fast food "Porta forzata e locale imbrattato"

Il negozio è nuovo, ma i raid dei ladri sono sempre gli stessi. Ieri verso le 13 era giorno di chiusura, doveva andare a scaricare la merce in negozio e si è ritrovato la porta forzata e la vetrata piena di crepe e imbrattata di feci. Pessima sorpresa per Ashiq Raheel, titolare del locale 5th Avenue’, fast food a base di hamburger e stuzzichini in pieno centro, in via Rocca. "Hanno provato a entrare per rubare, ma non sono riusciti ad aprire del tutto l’ingresso – spiega Raheel – la porta è stata forzata e scardinata, ma evidentemente non sono riusciti a completare il colpo perché probabilmente non avevano gli attrezzi giusti oppure qualcosa deve averli spaventati e sono fuggiti". Il negozio la sera prima ha chiuso alle 23.15 quindi è presumibile che la spaccata sia avvenuta dopo mezzanotte quando la strada, a due passi dal Palazzo Ducale e dove ci sono prevalentemente uffici e negozi, a quell’ora era completamente deserta così da poter agire relativamente indisturbati. "Non ho particolari sospetti su qualcuno – racconta il titolare del fast food - il fatto che abbiano imbrattato di feci il locale è forse perché non essendo riusciti ad aprirla si sono ‘vendicati’ sfregiando il locale. Volevano rubare quello che c’era dentro, non ho motivo di credere che sia stato qualcuno che voleva farmi un dispetto imbrattando e danneggiando la vetrata". Il titolare ha fatto denuncia ai carabinieri, si verificherà attraverso le telecamere in zona se ci sono immagini utili che consentano di risalire ai responsabili. Come si diceva il negozio è nuovo, ha aperto qualche mese fa, ma non è invece la prima volta che un locale di Raheel ha ricevuto la sgradevole visita dei malviventi. Quando l’anno scorso lavorava al NaanStopStreetFood di via Braida, ignoti erano entrati sfondando la finestra e in quel caso erano riusciti a rubare i tablet per le consegne e tutto il registratore di cassa. Chissà che anche questa volta l’obiettivo non fosse quello.

Gianpaolo Annese

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?