La nuova piazza del Centro Ferriere
La nuova piazza del Centro Ferriere

Modena, 19 novembre 2014 - Da una parte c’è il Museo casa Enzo Ferrari, fresco fresco di rinnovamento: dopo due anni dall’inaugurazione ufficiale, a febbraio di quest’anno è stato presentato in pompa magna il suo nuovo assetto. Dall’altra parte, oltre il cavalcavia, c’è invece la Maserati che, ci si spera ancora, potrebbe allargarsi fino a inglobare le abbandonate ex Fonderie, proprio di fianco agli stabilimenti del Tridente. Circondato dai motori, c’è un nuovo quartiere che sta rinascendo pezzo dopo pezzo dalle ceneri delle ex Acciaierie Ferriere, dismesse agli inizi degli anni ottanta. E che oggi ha la sua grande occasione: la Trenkwalder, grande azienda che si occupa di risorse umane, presto si trasferirà in una delle alte torri di acciaio e vetro.

Per tanto tempo questo angolo di città a ridosso del centro storico è rimasto nell’ombra dei cantieri e (soprattutto) delle perplessità, visto lo stretto abbraccio tra il cavalcavia della Crocetta e la zona Tempio, da sempre problematica. Ma ora sembra sia arrivato il momento della rinascita per quello che oggi ha scelto di chiamarsi Centro Ferriere: i primi locali hanno fatto capolino intorno al parcheggione che corre di fianco al cavalcavia e alle due futuristiche torri, regalando i primi segni di vita a una cellula della città addormentata. Da poco meno di un anno sono comparse una gelateria, il supermercato biologico NaturaSì, una delle sedi di America Graffiti, il famoso locale a ispirazione ‘old america’ capace di trascinare masse di fans anche da fuori provincia. «Questo è un posto strategico – spiega Denis Frattoluso, uno dei titolari del bar ‘iCocktail’, aperto da poco –: sei praticamente in centro e a due passi di distanza hai il Museo Enzo Ferrari. Noi siamo qui da circa cinque mesi e la sera di movimento ce n’è parecchio, la speranza è che questa zona possa diventare la nuova ‘galleria all’aperto’ del centro». Una speranza ben riposta, considerando che altri marchi dall’appeal considerevole stanno per piantare radici qui. A inizio dicembre lo stabile rosso che affianca il cavalcavia dovrebbe essere occupato da un negozio Euronics, mentre la Trenkwalder è attesa a gennaio.

Le novità non finiscono qui perché un’altra scadenza, molto più ravvicinata, comincerà davvero a fare la differenza: presto la piazza centrale del Centro Ferriere verrà aperta e sarà al servizio della città. Locali, ristoranti, negozi, banche e gli altri servizi che col tempo arriveranno in zona si svilupperanno proprio attorno alla piazza, arredata con panchine in pietra e percorsi d’acqua: un’isola verde circondata dall’acqua, fulcro centrale da vivere e respirare. La piazza, che sarà ovviamente a disposizione dei cittadini, è ormai alle porte ma non segnerà la fine della riqualificazione. Il Centro Ferriere non è ancora completo: sono da terminare alcune strutture dalla parte della piazza rivolta verso i binari del treno, che dovrebbero comprendere anche un hotel. Tempi previsti? Due anni circa.