TRE NOTTI senza luce pubblica. Buio, disagi e preoccupazione. L’area del black-out è vasta e densamente popolata. Parliamo di un bel pezzo di via Leonardo Da Vinci, Strada Formigina e vie limitrofe. Insomma, non proprio periferia. Da venerdì sera i cittadini di questo pezzo di Modena convivono col buio e a nulla sono servite, almeno inizialmente, le ripetute telefonate a Hera. «Siamo abbastanza arrabbiati e amareggiati – confidano i residenti della zona –. Va bene che...

TRE NOTTI senza luce pubblica. Buio, disagi e preoccupazione. L’area del black-out è vasta e densamente popolata. Parliamo di un bel pezzo di via Leonardo Da Vinci, Strada Formigina e vie limitrofe. Insomma, non proprio periferia. Da venerdì sera i cittadini di questo pezzo di Modena convivono col buio e a nulla sono servite, almeno inizialmente, le ripetute telefonate a Hera. «Siamo abbastanza arrabbiati e amareggiati – confidano i residenti della zona –. Va bene che ci sono le ferie e siamo a metà agosto, ma se un cittadino chiama il pronto intervento si aspetta che qualcuno si muova subito. Purtroppo non è stato così…». Stando ai racconti dei cittadini incontrati sul posto, infatti, le segnalazioni del black-out sono state immediate. «Venerdì sera – spiegano sempre i residenti – c’è chi ha chiamato subito Hera facendo presente che non c’era la luce in strada. La stessa cosa è stata fatta sabato e domenica, ma la situazione è rimasta la medesima. Un sopralluogo dei tecnici? Qui nessuno si è accorto di nulla». Due giorni fa, poi, c’è chi – esasperato – ha interpellato addirittura le forze dell’ordine. «Ho telefonato alla polizia e alla municipale, che mi ha dato nuovamente il numero di Hera. In effetti, qualche ora dopo, abbiamo notato della pattuglie passare per fare dei controlli», assicura un altro residente del quartiere. E ieri il copione si è ripetuto. Destinatario questa volta della chiamata il Comune. «Ci siamo messi in contatto con l’assessorato all’Ambiente – dicono i cittadini –, che ha garantito che il guasto verrà preso in carico entro 48 ore. Ci è stato spiegato che purtroppo il periodo rallenta questo tipo di interventi, ma essendo un’area così vasta è, secondo noi, francamente inaccettabile». A fare infuriare il quartiere non è tanto il disagio della luce in sé, ma le possibili conseguenze dal punto di vista della sicurezza: «Lo sanno tutti – aggiungono i residenti – che in questa area c’è un grave problema furti. Per questo ci saremmo aspettati un intervento più celere, anche se siamo a metà agosto». Contattata dal Carlino, Hera «si scusa prima di tutto per il disagio arrecato ai cittadini. Il guasto è stato preso subito in carico dai nostri tecnici, ma purtroppo è risultato difficile individuarne sia il punto esatto che la causa. Il problema adesso è risolto e questa sera (ieri per chi legge, ndr) la luce pubblica verrà riattivata».