Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Ucraina, la missione di Hesperia Bimbi è compiuta: consegnata un’ambulanza all’ospedale di Leopoli

Il convoglio del medico Paolo Pisani ha raggiunto il collega Alexander Istomin, portando gli aiuti raccolti grazie alle donazioni

francesco vecchi
Cronaca

Modena, 8 maggio 2022 - Dopo una stretta di mano, un abbraccio e la promessa di rivedersi, “magari quando la guerra sarà conclusa”, Paolo Pisani, medico modenese in pensione di 68 anni, ha consegnato all’ospedale pediatrico di Leopoli un’ambulanza acquistata dopo aver promosso una raccolta fondi attraverso la onlus da lui fondata nel 2016, la Hesperia Bimbi. Il mezzo era pieno di medicinali e dispositivi sanitari, oltre ad altri beni di prima necessità. Pisani, pensionato di 68 anni, ha risposto in questo modo ad un appello che aveva lanciato nelle scorse settimane un giovane ematologo di Kiev, il 26enne Alexander Istomin, attualmente trasferito a Leopoli proprio in seguito all’esplosione del conflitto. 

GUARDA anche il VIDEO REPORTAGE

Paolo Pisani e Alexander Istomin
Paolo Pisani e Alexander Istomin

Pisani è partito insieme ad altri nove volontari da Modena, giovedì scorso. Il convoglio comprendeva altri due furgoni carichi di altre donazioni e un’auto. Dopo un’attesa di otto ore a Medyka, confine polacco-ucraino, i mezzi di Hesperia Bimbi sono entrati in territorio ucraino la notte fra venerdì e sabato. “Siamo felici di aver realizzato questa donazione, sperando che - le parole di Pisani - la nostra ambulanza possa servire ai bambini e alle mamme. Devo ribadire i miei ringraziamenti a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo progetto, che all’inizio sembrava impossibile. Penso a Mission Bambini, all’azienda farmaceutica Opocrin e ad Unitalsi, ad esempio”. Ringraziamenti sentiti, alla consegna delle chiavi dell’ambulanza, li ha espressi Istomin: “Grazie per il vostro sostegno e per essere venuti qui. Mi auguro di poterci rivedere presto - le sue parole -, sperando anche che ciò non accada ancora in guerra”.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?