Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 mar 2022

Va aggiornato il patrimonio immobiliare

27 mar 2022
marcello
Cronaca

Marcello

Beccati*

Quella del catasto è una riforma urgente, tant’è che l’attuale sistema estimativo catastale è fondato su una disciplina sostanzialmente risalente al 1939 e che ha avuto l’ultima revisione nel 1989. E’ lampante quanto sia necessario contestualizzare la fotografia del patrimonio immobiliare del nostro paese per riportare ad un corretto accatastamento le migliaia di unità immobiliari oggi esistenti. Per Sunia e Apu la riforma deve mirare a creare giustizia nel settore immobiliare tenendo conto dei cambiamenti urbanistici e strutturali della proprietà immobiliare, abbandonando il sistema basato su numero dei vani, classi e categorie degli immobili, per considerare parametri quali i metri quadri, l’effettivo valore di mercato, l’ubicazione, l’epoca di costruzione, il livello di finiture e perché no l’efficienza energetica. È del tutto ovvio però che tale riforma non può e non deve significare aumento indiscriminato della tassazione degli immobili, soprattutto per i titolari della loro unica abitazione, ed anzi è auspicabile che il governo proceda con ulteriori riforme mirate a un riordino del fisco sugli immobili, attualmente ingiusto e che colpisce i piccoli proprietari allo stesso modo dei grandi patrimoni concentrati nelle mani di pochi. Pertanto, si dovrà prevedere una maggiore equità nella ripartizione del prelievo fiscale, superando gli attuali paradossi per cui, ad esempio, case di lusso in pieno centro storico hanno rendite catastali più basse rispetto ad immobili di recente costruzione siti in periferia, poiché bisogna far sì che non ci sia più qualcuno che paghi più del dovuto a causa di valori catastali non allineati ai valori di mercato e accatastamenti non aggiornati all’interno delle città. Va comunque sottolineato che la norma specifica che la nuova mappatura e la revisione non costituirà la base per modifiche alla base imponibile dei tributi e che quindi la paura di aumenti fiscali, oggi, è inopportuna.

*Segretario provinciale Sunia

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?