Al via, in Emilia-Romagna, uno studio per capire quanto ’gira’ la variante inglese, ma anche per rintracciare l’eventuale presenza di altre varianti sul territorio regionale. A condurlo, su mandato dell’Istituto Superiore di Sanità che ha avviato l’indagine a livello nazionale, sono i laboratori di Pievesestina (Forlì-Cesena), Parma, Bologna (Policlinico Sant’Orsola) e Modena, in collaborazione con la Regione e i dipartimenti di Sanità pubblica delle aziende sanitarie territoriali. Sono 213 i tamponi positivi selezionati in Emilia-Romagna su cui è in corso l’analisi: appartengono ad altrettanti cittadini scelti a caso ma in modo proporzionale rispetto al numero di abitanti delle singole province, fra i positivi individuati nei giorni 4 e 5 febbraio: 12 a Piacenza, 20 a Parma, 24 a Reggio Emilia, 32 a Modena, 64 a Bologna, 7 a Ferrara e 54 in Romagna.

Venendo invece ai contagi registrati ieri, sulla nostra provincia i casi di Covid sono stati 265, secondi in regione dopo Bologna (290). Cinque, purtroppo, i decessi: sono tre donne modenesi e due uomini, uno di Carpi e uno di Castelfranco.

L’Ausl ha fatto sapere che nella giornata di domenica 7 febbraio i vaccinati complessivi sono stati 593

A ieri sono state somministrate complessivamente 40.253 dosi di vaccino, di cui 19.058 seconde dosi.

In ultimo, il punto sui guariti nella nostra provincia: ieri se ne sono aggiunti altri 63. I guariti complessivi, alla giornata di ieri, sono 34.573.