Vasco Rossi e la foto postata su Facebook
Vasco Rossi e la foto postata su Facebook

Zocca (Modena), 4 settembre 2020 – La cartella a tracolla dietro la schiena, le mani strette strette alla corda della carrucola per attraversare il Panaro. E' così che andavano a scuola i bambini di Guiglia nel 1959. Un anno così lontano da questo 2020, che fa i conti con autobus, capienza e distanziamento. Ma altrettanto vicino quantomeno metaforicamente, secondo Vasco Rossi, che pubblica sulla sua pagina Facebook una foto emblematica.

“Saluto l'inizio delle scuole con questo scatto del 1959 che ritrae i bambini di Guiglia, piccolo comune ai primi rilievi dell'Appennino modenese, che per recarsi a scuola a valle dovevano attraversare il fiume Panaro con una carrucola”, scrive nel post. “Ogni giorno – aggiunge -. Perché la scuola era l'unico ponte per aggrapparsi al futuro. Perché, citando Hugo, 'Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione' e condanna l'ignoranza. Buon anno scolastico!”. Sarà un anno scolastico particolare, questo dell'emergenza Covid. Lungo da attraversare, come il Panaro.

Leggi anche Covid, Vasco Rossi: "Tutti con la mascherina"