Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Carpi, omaggio all'arte e all'aceto balsamico / FOTO

Parterre d'eccezione per la serata organizzato nella sede del Gruppo de Nigris: "Il Made in Italy di qualità regge la sfida globale"

di MARIA SILVIA CABRI
Ultimo aggiornamento il 8 febbraio 2018 alle 17:24
Raffaele, Luca e Armando De Nigris (foto Cabri)

Carpi (Modena), 8 febbraio 2018 - «Ogni giorno ciò che ci pervade è la ‘creatività’ caratterizzata dalle tre b: bella, buona e buon fatta». Con queste parole Armando de Nigris che con i fratelli Raffaele e Luca è alla guida del Gruppo De Nigris, ha inaugurato la serata di sabato Balsamico Village (FOTO), dal titolo ‘Dove l’arte incontra la tradizione’. Presenti, oltre al ministro della Salute Beatrice Lorenzin (candidata per il centrosinistra al collegio uninominale di Modena per la Camera) e al presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, il sindaco Alberto Bellelli e oltre 150 invitati tra istituzioni, imprenditori, professionisti e rappresentanti del mondo della cultura.

Una serata nata sotto il segno dell‘arte con l‘esposizione, per una sola notte, di sette artisti di fama internazionale e una ventina di opere, ospitata in quello che è il primo parco a tema dedicato a un’eccellenza agroalimentare del Made in Italy e realizzato dalla famiglia de Nigris nei pressi della sede del Gruppo. L’evento, inserito in un calendario di iniziative con cui il Gruppo de Nigris intende promuovere la cultura nell’Anno del Cibo Italiano, è diventato un‘occasione di confronto su temi di grande attualità, quali l‘identità dei nostri prodotti e a loro competitività sul mercato globale.

«Il Made in Italy di qualità - ha sottolineato Armando de Nigris - potrà sostenersi se solo noi imprenditori perseguiremo azioni virtuose, come quelle messe in campo quest’anno dedicato al cibo italiano nel mondo. Comunicare questa ‘identità e metamorfosi’ del saper fare all’italiana, ovvero il cambiamento e l‘innovazione che non tradisce la nostre radici, ma diventa creatività, deve essere alla base di tutte le azioni di marketing per portare le imprese del settore fuori dai confini nazionali».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.