Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Sciopero Seta, a Modena e Reggio bus di nuovo fermi il 16 ottobre

I sindacati: “L’azienda agisce in modo unilaterale”. E i lavoratori tornano a incrociare le braccia 
 

Ultimo aggiornamento il 6 ottobre 2017 alle 15:01
Bus Seta (FotoFiocchi)
Modena, 6 ottobre 2017 – Si replica. Dopo lo sciopero di ieri, i lavoratori Seta torneranno a incrociare le braccia per 24 ore il prossimo 16 ottobre. Autobus di nuovo fermi, dunque, nei bacini di Modena, Reggio Emilia e Piacenza.

All’iniziativa di lotta hanno aderito Cgil, Cisl, Uil, Faisa Cisal e Ugl, che ne spiegano i motivi: “La dirigenza con presunzione continua nelle sue decisioni a mantenere un comportamento unilaterale cambiando le norme vigenti e peggiorando di fatto le condizioni di lavoro”. Nel mirino dei sindacati c’è “la proposta di armonizzazione” che l’azienda avrebbe fatto a mezzo lettera “ai singoli lavoratori, bypassando le organizzazioni sindacali”.

Il 16 ottobre, dunque, si preannunciano ancora disagi per gli utenti del trasporto pubblico. “Ci scusiamo – scrivono in una nota le associazioni dei lavoratori -, ma ci preme sottolineare che anche questa volta tutto ciò è imputabile ai vertici aziendali”.

A quella data, tuttavia, mancano ancora diversi giorni. Un tempo nel quale si può riaprire il confronto tra le parti. “Come sempre restiamo disponibili per trovare soluzioni condivise al fine di garantire un trasporto di qualità nel rispetto dei diritti dei lavoratori e dei cittadini”, concludono i sindacati.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.