Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Asilo di Marano, il ministro Fedeli: "Una vicenda inaccettabile"

Bimbi costretti a dormire per terra, il commento del ministro dell’Istruzione: "Non si scaricano inefficienze sui bambini"

Ultimo aggiornamento il 26 febbraio 2018 alle 17:00
Il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli

Modena, 26 febbraio 2018 – «Non si scaricano le inefficienze, che magari possono esserci state, sui bambini. Questo per me è inaccettabile».

Marano, all’asilo i bimbi dormono per terra. "Spostare i lettini? Non tocca a noi"

In città per partecipare all’inaugurazione dell’842esimo anno accademico dell’università di Modena e Reggio Emilia, il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli, interpellata dai giornalisti, ha parlato del caso dell’asilo Collodi di Marano sul Panaro, dove i bimbi sono stati costretti a dormire per terra, perché il personale della scuola per l’infanzia riteneva che lo spostare delle brandine non rientrasse nelle sue competenze: «Lei mi fa soffrire con questa domanda – risponde Fedeli -. L’ho letta di sfuggita la vicenda, sul giornale. Può anche non essere una competenza, ma i bambini vengono prima della scelta di competenza. Si risponde ai bimbi e li si mette nelle migliori condizioni e poi – aggiunge Fedeli - se si deve negoziare per avere il personale che deve fare un lavoro diverso da quello per cui tu sei stato assunto lo si fa. Ma non si scaricano le inefficienze, che magari possono esserci state, sui bambini. Questo per me è inaccettabile».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.