Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ecco i candidati dei Cinque Stelle: «Tutti dal territorio, contro i paracadutati»

Il Movimento presenta i nomi per i collegi modenesi e gli obiettivi politici: «Redditto di cittadinanza, giustizia rapida e più sicurezza»

Ultimo aggiornamento il 6 febbraio 2018 alle 13:08
L'onorevole Vittorio Ferraresi

Modena, 6 febbraio 2018 - Michele Dell’Orco, Vittorio Ferraresi, Stefania Ascari, Nadia Piseddu, Enrica Toce, Gabriele Lanzi, Maria Laura Mantovani, Claudio Brandoli. Ecco i nomi scelti dal Movimento Cinque Stelle per i collegi modenesi in vista delle prossime elezioni.

«Si tratta – spiega il deputato Vittorio Ferraresi – di candidati che vivono e lavorano sul nostro territorio, a differenza dei paracadutati degli altri. Puntiamo molto sulla sburocratizzazione e sulla formazione delle persone che devono essere reintrodotte nel mondo del lavoro perché l’hanno perso; quindi reddito di cittadinanza, 780 euro al mese, per chi perde e cerca lavoro, ma nel frattempo viene riqualificato e riformato e va in un circuito virtuoso per le imprese che cercano sul nostro territorio persone formate».

Capitolo sicurezza: «Vogliamo una giustizia rapida ed efficace in modo tale che scoraggi i criminali. Noi sappiamo che c’è un aumento di reati sul territorio, furti in appartamento in particolare». Infine il tema immigrazione: «In primis contrasto al business – aggiunge Ferraresi -, riducendo sbarchi e con accordi bilaterali con gli altri Stati. Commissioni territoriali, ancora, per decidere se una persona ha diritto di restare nel nostro Paese oppure deve essere rimpatriata».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.