Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni 2018, i risultati a Modena: affermazione del centrodestra

Nel centrosinistra sorride solo Beatrice Lorenzin, che ha conquistato il proprio seggio alla Camera a Modena:  36,9%.

 

Ultimo aggiornamento il 5 marzo 2018 alle 15:13
Elezioni 4 marzo, le scuole Cittadella sede di seggio a Modena (FotoFiocchi)

Modena, 5 marzo 2018 -  Affermazione del centrodestra e netta sconfitta per il Pd anche a Modena, dove nella coalizione di centrosinistra la spunta il ministro della Salute Beatrice Lorenzin (al 36,83% nella sfida al collegio uninominale della Camera) e dove si vota tra un anno nel capoluogo. Al collegio uninominale del Senato è stato eletto Edoardo Patriarca del centrosinistra con 31,80%. Stefano Corti del centrodestra secondo per un soffio col 31,79%. Nel collegio uninominale 5 di Modena per il Senato, "andremo probabilmente in contestazione", dice il segretario della Lega Nord Emilia, Gianluca Vinci, commentando il risultato che vede eletto il candidato del Pd Edoardo Patriarca con 85.533 voti. Cioè con 46 preferenze in meno rispetto alle 85.487 del candidato leghista Stefano Corti.

Fuori a Cento Stefano Vaccari (28,12%), dietro sia a Emanuele Cestari del centrodestra (36,6%) sia a Vittorio Ferraresi dei 5 stelle (25,9%), così come Claudio De Vincenti (28,8%) a Sassuolo, dove è stata eletta Benedetta Fiorini (34,60%) del centrodestra seguita da Michele Dell'Orco dell'M5s (30,21%). Intanto, arrivano le prime reazioni nel Pd modenese.

Tutti i risultati in Emilia Romagna e a Modena e provincia: Senato - Camera

Davide Baruffi, ex deputato ed ex segretario del partito modenese, chiede una convocazione degli organismi dirigenti ad ogni livello subito: "Personalmente - osserva Baruffi in un post - non credo sia tutto da buttare e continuo a pensare che molte delle cose fatte abbiano reso l'Italia un Paese più giusto e moderno. Ma è evidente che c'è quasi tutto da cambiare, in profondità, perché la reazione degli elettori è stata molto dura, direi rabbiosa, e noi ci ritroviamo un partito più piccolo e isolato. A rischio di marginalità". Quindi avvisa Baruffi pensando alle prossime comunali nei territori: "Senza una correzione robusta andremo in difficoltà anche alle prossime amministrative. Anche in Emilia, anche a Modena. È bene che gli organismi dirigenti locali e nazionali - sprona il dem modenese - siano convocati al più presto per cominciare a discutere". Anche perchè "siamo scesi anche sotto la soglia del 20%, con un risultato che riecheggia piu' le percentuali del Pds e dei Ds che non quelle de l'Ulivo e del Pd", è il parallelo di Baruffi.

Come i voti diventano seggi Come funziona il Rosatellum. La legge elettorale spiegata bene

Tutti i risultati nazionali: Senato - Camera 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.