Chievo-Sassuolo: Duncan festeggia con Di Francesco (Foto LaPresse)
Chievo-Sassuolo: Duncan festeggia con Di Francesco (Foto LaPresse)

Verona, 4 novembre 2018 – Ritrova quella vittoria che gli mancava dal 27 settembre, il Sassuolo (foto), che regola il Chievo a domicilio – al Bentegodi i neroverdi non vincevano dal 2013 – e si prende il sesto posto in classifica.

Un gol per tempo, per la squadra di De Zerbi, più cinica e realistica di un Chievo sempre più ultimo, che qualche grattacapo, ai neroverdi, lo ha creato solo nel recupero. Fin lì, gestione della gara tutto sommato attenta da parte di un Sassuolo in vantaggio con Di Francesco poco dopo la mezz’ora, ma poi troppo poco efficace nel concretizzare le tante ripartenze che potevano fruttare il raddoppio. Che arriva solo nel recupero, con un’autorete di Giaccherini, e solo dopo che Stepinski aveva messo i brividi, 1’ prima, alla squadra neroverde.

La cronaca di Chievo-Sassuolo minuto per minuto – Serie A, risultati e classifica in tempo reale

 

De Zerbi: "Oggi contava vincere, ma il gioco deve migliorare"

"Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile, è stata molto difficile ma abbiamo vinto meritatamente anche se non abbiamo fatto quello che abbiamo fatto in altre gare. Ma l'abbiamo voluta a tutti costi e abbiamo giocato da squadra umile ma matura". Così Roberto De Zerbi ha parlato al termine di Chievo-Sassuolo.

"Ho visto grande determinazione ma dobbiamo coniugarla al gioco che abbiamo espresso in passato - ha spiegato il tecnico neroverde -, oggi era importante vincere, ma la qualità del gioco ha risentito delle quattro battute di arresto nelle ultime giornate di campionato".

De Zerbi sottolinea gli aspetti su cui migliorare: "Dobbiamo prendere meno gol e dobbiamo crescere su questo aspetto per poi mantenere quelle due prerogative che sono importanti. Vale a dire il gioco e la cattiveria agonistica che sono aspetti fondamentali per fare un grande campionato", ha concluso.

CHIEVO SASSUOLO_34772985_171115

Il tabellino

Chievo – Sassuolo 0-2

Chievo (4-3-2-1): Sorrentino; Depaoli, Bani, Rossettini, Jaroszynski; Obi (25’ s.t. Tanasijevic), Radovanovic, Kiyine (9’ s.t. Meggiorini); Birsa, Giaccherini; Stepinski. All. Ventura (Seculin, Semper, Hetemaj, Cesar, Burruchaga, Pellissier, Leris, Grubac)

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Marlon, Ferrari, Rogerio; Duncan (18’ s.t. Magnani), Magnanelli, Sensi; Berardi, Boateng (24’ s.t. Matri), Di Francesco (34’ s.t. Locatelli). All. De Zerbi (Pegolo, Lemos, Peluso, Sernicola, Dell’Orco, Adjapong, Djuricic, Matri, Trotta, Brignola)

Arbitro: Aureliano di Bologna (Rocca, Imperiale, q.u Baroni)

Reti: 42’ p.t. Di Francesco, 48’ s.t. Giaccherini (aut.)

Note: espulso (43’ s.t.) Tanasijevic per doppia ammonizione, ammoniti Obi, Ferrari, Kiyine, Berardi, Tanasijevic, angoli 3-2 Chievo. Spettatori e incasso n.c., rec. 1’ e 4’