L'esultanza di Allan dopo il gol (Ansa)
L'esultanza di Allan dopo il gol (Ansa)

Reggio Emilia, 22 dicembre 2019 – Delusione sotto l'albero. Arriva agli sgoccioli una sconfitta che De Zerbi difficilmente digerirà e che il Napoli ha costruito nel secondo tempo, quando i neroverdi, calando vistosamente, lasciavano spazio e occasioni ai partenopei. Decide un autogol di Obiang dopo un'azione rocambolesca al 94', ancora su palla inattiva.

Assenze pesanti per De Zerbi perde Berardi per infortunio ma ritrova Duncan e Peluso dal 1', davanti Boga e Caputo supportati da Traorè. Ancora out Magnanelli, chiavi del centrocampo nei piedi di Obiang. Gattuso lancia Luperto al posto dell'acciaccato Koulibaly e si affida al 4-3-3 visto al debutto con il Parma per ritrovare una vittoria che manca da oltre due mesi. Pronti, via e il primo pericolo lo creano i neroverdi. Al 2', sugli sviluppi di un corner calciato da Traorè, Locatelli anticipa tutti e disegna una palombella che Mario Rui salva sulla linea. Ottima la partenza della squadra di De Zerbi che due minuti più tardi arriva ancora alla conclusione dal limite con Duncan, bravo Meret e deviare in corner. Il Napoli pare, quasi, non essere mai entrato in campo e i circa 400 del settore ospiti iniziano a chiedere poco elegantemente di mostrare più coraggio. È il Sassuolo a fare gioco e a creare: al 12' il cross di Traorè non trova la deviazione di Caputo per pochissimi centimetri. I partenopei si rendono pericolosi al 19', sempre su palla inattiva, con il colpo di testa di Manolas che sfiora la traversa dopo una deviazione. Al 25' torna a farsi vedere il Sassuolo con Kyriakopoulos, abile a spingersi sino all'area di rigore azzurra e lasciar partire una rasoiata pericolosa sulla quale, ancora una volta, Caputa non trova il tap-in. È maturo, verrebbe da dire. E così è. Al 29' Locatelli riceve sulla trequarti e pesca magistralmente Traorè sul secondo palo il quale tocca a pochi passi da Meret e insacca sotto le sue gambe. Da censura la marcatura di Mario Rui, è 1-0 Sassuolo. Il Napoli è poca roba, si va al riposo così.

La ripresa si apre subito con una palla gol capitata sui piedi di Insigne. Il numer 24, lanciata sulla sinistra, vede Pegolo fuori dai pali e prova sorprendolo ma ne esce un tiro lento e basso: Pegolo, nel recuperare la posizione, inciampa e salva in extremis col ginocchio. Il Napoli ci prova con più convizione ma è obbligato a lasciare spazio ai contropiedi neroverdi. Al 53' è Muldur a penetrare tra le maglie azzurre e a sfiorare il palo alla destra di Meret con un tiro pericolosissimo. Occasione che il Sassuolo rimpiangerà al 58', minuto in cui il Napoli trova il pari. Zielinski imbuca per Milik, finta del polacco a favorire Allan che sbraccia con Peluso e in caduta insacca all'incrocio. De Zerbi lancia nella mischia Djuricic al posto di Duncan. Gattuso Elmas per Ruiz. Al 74' gli uomini di Gattuso costruiscono un'altra grande palla per il vantaggio: punizione dal limite che Insigne scodella oltre la barriera, lì dove Callejon si trova a battere solo davanti a Pegolo, il suo tiro è troppo centrale. L'ultima carta di Ringhio si chiama Mertens, dentro per l'ultimo quarto d'ora. Un minuto dopo l'ingresso del belga, ecco la tripla, clamorosa, occasione per il Napoli. Elmas affonda sulla destra, offre un cioccolatino sul dischetto per Callejon che impatta sulla traversa; l'azione prosegue e Insigne calcia a botta sicura all'angolino dove Locatelli è provvidenziale sulla linea. La palla non esce e allora il Napoli insiste con un altro cross per Mertens che, di testa, sfiora il palo. Gli azzurri si vedono annullare anche un gol dal var per un fuorigioco di Callejon che aveva ribadito in rete un tiro di Mertens. Il Sassuolo cala vistosamente dal punto di vista fisico e in occasione dell'ultimo corner della partita subisce il gol del sorpasso. Insigne mette al centro, sul secondo palo arriva il tocco decisivo di Obiang, fa esplodere il settore dedicato ai tifosi del Napoli. Per Gattuso è la prima vittoria sulla sua nuova panchina, per De Zerbi è una cocente delusione.

false

Il tabellino

SASSUOLO-NAPOLI 1-2

Reti: 29' Traorè, 58' Allan, 94' autogol Obiang 

Sassuolo (4-3-1-2): Pegolo; Muldur, Marlon (51' Romagna), Peluso, Kyriakopoulos; Duncan (64' Djuricic), Obiang, Locatelli; Traorè; Boga (82' Magnanelli), Caputo. A disp.: Turati, Russo, Rogerio, Raspadori, Ferrari, Tripaldelli, Mazzitelli, Oddei, Bourabia. All.: De Zerbi

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Luperto (46' Hysaj), Manolas, Mario Rui; Ruiz (70' Elmas), Allan, Zielinski; Callejon, Milik (76' Mertens), Insigne. A disp.: Daniele, Ospina, Lozano, Llorente, Younes, Gaetano, Leandrinho. All.: Gattuso.

Arbitro: Chiffi di Padova. Assistenti: Liberti di Pisa e Bresmes di Bergamo. Var: Valeri di Roma

Ammoniti: Mario Rui, Locatelli, Elmas

Angoli: 8 a 11

Note: recupero 1' pt, 4' st
 

Serie A, risultati e classifica in tempo reale
 


Sassuolo Napoli, le formazioni ufficiali
 

SASSUOLO 4-2-3-1: In arrivoPegolo; Muldur, Pelus, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Duncan, Traore, Boga; Caputo. Allenatore: De Zerbi.
A disposizione: Turati, Russo, Magnanelli, Rogerio, Djuricic, Raspadori, Romagna, Ferrari, Tripaldelli, Mazzitelli, Oddei, Bourabia.

NAPOLI 4-4-2: Meret; Di Lorenzo, Manolas, Luperto, Mario Rui; Callejon, Zielinski, Allan, Fabian; Insigne, Milik. Allenatore: Gattuso.
A disposizione: Ospina, Daniele, Hysaj, Elmas, Gaetano, Lozano, Leandrinho, Llorente, Mertens, Amin.
 




 


Sassuolo Napoli, rivivi la diretta