Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Chef Valerio Braschi, vincitore di Masterchef 6

Santarcangelo (Rimini), 18 dicembre 2017 - Torna Masterchef il popolare programma tv in onda su Sky. Si parte giovedì con la settima edizione, orfana di Carlo Cracco che sarà sostituito da Antonia Klugmann. Valerio Braschi è l'ultimo vincitore di Masterchef.

Cosa rimane di quell’esperienza un anno dopo?
«La partecipazione e la vittoria a Masterchef hanno dato la svolta alla mia vita, cambiandola: ho capito di voler prendere la cucina come un lavoro serio e non come un hobby».
Oggi fa il cuoco di professione, quindi?
«Certo. È ciò che faccio per vivere».
Quali sono i suoi impegni? 
«Eventi, consulenze. E tra un po’ comincerò a lavorare in un ristorante».
Dove?
«Devo decidere. Ho delle alternative tra le quali sceglierò». 
 


 

C’è l’idea di mettersi in proprio?
«C’è e la sto valutando. Non so se sarà possibile da subito, ma prima o poi vorrò aprire un mio ristorante. La cucina è il presente e il futuro».
Barbieri la voleva con sé...
«È vero, c’era la possibilità di lavorare con Bruno. Ma avevo date già bloccate per l’estate, non potevo rinunciare a contratti firmati. Ringrazio Barbieri per la possibilità».
L’opportunità potrebbe ripresentarsi in futuro?
«Non lo escludo, i rapporti sono ottimi».
Anche con gli altri giudici?
«Con tutti».
Essere emiliano-romagnoli dà qualcosa in più?
«Sì, abbiamo la cucina nel sangue. Tutti noi sappiamo fare qualcosa, anche i più giovani».
Lei ne è la testimonianza...
«In effetti ho vent’anni...».


Spyros, primo vincitore di Masterchef, la dava per favorito...
(sorride) «Spyros è un amico... Sul serio, ci sentiamo spesso, c’è grande stima tra di noi».
In quale aspetto il programma tv l’ha migliorata?
«Masterchef porta a tirare fuori il meglio di se stessi perché è davvero molto impegnativo: è un’esperienza dalla quale si capisce se la cucina fa per una persona oppure no».
Ma c’è un dopo.
«Chi esce da lì non è automaticamente un cuoco. Masterchef dà l’opportunità di essere un futuro cuoco: poi tocca a ognuno fare tesoro dell’occasione».
Il suo futuro?
«Per ora c’è un viaggio in Asia, il segno resta aprire un ristorante tutto mio». 
g. c.


 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.