Rachele Barbieri nel giro d’onore sul velodromo di Montichiari (Elofoto)
Rachele Barbieri nel giro d’onore sul velodromo di Montichiari (Elofoto)

Modena, 16 luglio 2016 -

Magnifica Rachele Barbieri agli Europei Under 23 di ciclismo su pista a Montichiari: l’atleta di Serramazzoni si aggiudica il titolo europeo dello scratch donne anticipando nettamente la francese Soline Lamboley e la britannica Dannielle Khan. E poi via per il giro trionfale con la bandiera tricolore sulla pista del velodromo Fassa Bortolo. Altra gioia per il gruppo rosa del Ct Salvoldi, protagonista di questa edizione.

Rachele ha vinto una gara caratterizzata da continui attacchi da parte della bielorussa Palina Pivavarava, il più pericoloso dei quali a 27 giri dalla fine. Ma il ct Salvoldi aveva detto a Rachele di non perdere mai di vista la ruota veloce della francese Lamboley. Così è stato. A un giro e mezzo dalla fine il ritmo è aumentato e la francese ha giocato la sua carta. L’azzurra, nonostante fosse dietro di qualche posizione, ha rischiato tutto ed è riuscita a trovare la giusta traiettoria per sfrecciare prima sulla linea.

«Non è stato semplice – dice la neo campionessa d’Europa –. Ho rischiato molto soprattutto a inizio gara con l’attacco della bielorussa. Abbiamo faticato a chiudere il buco. Ho comunque ho fatto la mia corsa sulla francese e sono rimasta un po’ chiusa temendo di non farcela. Ad un giro e mezzo dalla fine ho tentato il tutto per tutto e, grazie alla buona gestione delle energie in gara, per la prima volta ho creduto in me stessa prima della linea di arrivo. È andata veramente bene. Sono soddisfatta anche perché non essendo partita nel quartetto, nonostante il lavoro svolto, questa medaglia è ancora più significativa per me».