Un venerdì da fuochi d’artificio per il mercato del Carpi, che piazza il primo colpo: il difensore Ercolani (foto a destra) dal Manchester United) e cede Biasci (foto a sinistra) a sorpresa al Padova. Ercolani. Da "Old Trafford" al vecchio "Cabassi": è il viaggio di Luca Ercolani, difensore centrale classe ’99 di Ravenna che arriva dal Manchester United a titolo definitivo in biancorosso con un contratto fino al 2022 e 10% sull’eventuale futura rivendita che rimane ai Red Devils. Arrivato alla corte di Alex Ferguson nel 2016 (dopo aver vestito le maglie di...

Un venerdì da fuochi d’artificio per il mercato del Carpi, che piazza il primo colpo: il difensore Ercolani (foto a destra) dal Manchester United) e cede Biasci (foto a sinistra) a sorpresa al Padova.

Ercolani. Da "Old Trafford" al vecchio "Cabassi": è il viaggio di Luca Ercolani, difensore centrale classe ’99 di Ravenna che arriva dal Manchester United a titolo definitivo in biancorosso con un contratto fino al 2022 e 10% sull’eventuale futura rivendita che rimane ai Red Devils. Arrivato alla corte di Alex Ferguson nel 2016 (dopo aver vestito le maglie di Forlì, Cesena e Ravenna) ha fatto tutta la trafila fino all’Under23, allenandosi con la prima squadra ai tempi di Mourinho e Ibrahimovic. Un percorso frenato nel settembre del 2019 da un infortunio, che Ercolani ha messo alle spalle giocando nell’ultimo anno. Uno stop che gli ha fatto anche perdere anche il treno del Mondiale Under 20 con l’Italia di Nicolato, di cui è stato uno dei punti di forza al fianco di Scamacca, Tripaldelli e Zappa. Sarà una valida alternativa ai quattro titolari attuali Sabotic, Varoli, Gozzi e Venturi.

Biasci. Che fosse in partenza si sapeva già, ma Tommaso Biasci, l’attaccante più prolifico della recente storia biancorossa (23 reti in 43 gare), dopo l’allenamento di ieri ha raggiunto Padova e non Perugia. Un colpo di scena da film giallo in piena regola, col club veneto che ha "bruciato" i rivali umbri. Biasci saluta per una cifra vicina ai 400mila euro in prestito con obbligo di riscatto, che però scatterà al primo punto che il Padova farà nel girone di ritorno, momento in cui il Carpi riceverà anche il secondo 50% dopo quello incassato ieri. Un affare d’oro condotto dal tandem Marcellusi-Mussi, con l’inserimento anche di un ulteriore bonus da 100mila euro in caso di promozione in B dei biancoscudati. Un blitz portato avanti dall’ad patavina Alessandra Bianchi che ha sfruttato lo "stallo" del Perugia. Gli umbri si erano fermati a 200mila euro pagabili in due anni, provando a inserire un ragazzo del 2003 nell’affare, cosa che ha convinto il Carpi a virare su Padova.

Altre. Ora il Carpi fra oggi e domani chiuderà le 4 operazioni che ha già in cantiere per consegnare lunedì a Pochesci una rosa pronta per il Ravenna: prima Barbuti col Fano (domani per lui ultima gara a Trieste coi marchigiani), poi la definizione di Mastour, su cui si sono inserite Mantova e Samb, sebbene il Carpi abbia in mano l’accordo con Reggina e agente, quindi dal Cittadella dovrebbe arrivare il mancino ’99 Gianluca Bassano, quindi un altro attaccante per completare con Mastour, Barbuti, Giovannini (che a gennaio non andrà via) e Ferretti la cinquina offensiva. Resta il nome di Marchi della Reggiana, ma occhio alle sorprese. In uscita Bayeye verso il ritorno al Catanzaro, saluteranno anche Ferri, Ferrieri e Varga che non hanno mai giocato.

Davide Setti