Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

Centinaia di persone alla fontana Brindisi, caroselli e tante famiglie

Subito dopo il match alcuni giocatori si sono concessi ai selfie dei tifosi, poi corteo verso il centro Il popolo gialloblù si è radunato per festeggiare insieme in Largo Garibaldi: deviato il traffico

Festa genuina e senza eccessi, quella dei tifosi canarini alla fine della gara con il Pontedera che ha sancito la promozione del Modena in serie B dopo trentotto giornate di pathos in un interminabile duello con la Reggiana. I supporter gialloblu, dopo essere rimasti per parecchi minuti all’interno del Braglia, hanno continuato ad esternare la loro gioia per questa impresa sportiva dei loro beniamini anche fuori dall’impianto.

Prima all’esterno dello stadio, dove alcuni giocatori si sono concessi a numerosi selfie con i tifosi, tifosi che a loro volta hanno improvvisato, nell’allontanarsi dal Braglia, un mini corteo in viale Monte Kosica con cori, con qualche scontato e tutto sommato comprensibile sfottò all’indirizzo dei cugini reggiani, battuti in volata e che dovranno giocarsi le speranze di promozione ai playoff.

Altri si sono radunati a festeggiare in alcuni bar nei pressi del Braglia con grandi brindisi di birra ma tutto, come detto, senza alcun eccesso.

La meta dei festeggiamenti per la maggior parte degli aficionados è stata come sempre Largo Garibaldi, luogo ormai ’cult’ per ogni manifestazione di gioia sportiva che si rispetti. Anche nella zona della fontana del Graziosi tutto si è svolto in un clima di euforia ma senza trasgressioni di sorta.

Soltanto la grande affluenza di tifosi, all’incirca un migliaio, tra i quali anche tante famiglie con bambini, ha costretto la Polizia Municipale a chiudere il traffico nella zona intorno alla piazza. Il centro storico è stato poi più animato del solito, per un sabato sera del tutto particolare. Tanta gente vestita di gialloblu, con diversi tifosi con bandiere e sciarpe gialloblu. Si sono uditi cori festosi anche in via Emilia, per una serata certamente diversa dalle altre.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?