Dilettanti. Anche Caselli a Viano con Sarnelli. Gallicchio è in pole a Lentigione

Umberto Sarnelli inizia la nuova avventura alla guida della Vianese, lasciando il Formigine dopo 12 anni. Obiettivo: consolidare l'Eccellenza e puntare in alto. Altri cambiamenti in vista nel panorama calcistico reggiano.

È iniziata la nuova avventura di Umberto Sarnelli alla guida della Vianese, ambizioso club reggiano neopromosso in Eccellenza. Dopo 12 stagioni a Formigine da giocatore, da tecnico delle giovanili e negli ultimi 2 campionati da mister dell’Eccellenza, l’ex attaccante classe ’82 ha salutato il club verdeblù. "Voglio dire grazie al Formigine, al patron Masi e al dg Arginelli per 12 fantastici anni – le parole di Sarnelli – e per avermi dato fiducia affidandomi da esordiente la prima squadra in Eccellenza. Ho tanti bei ricordi che mi porterò sempre dentro nel cuore. Sono onorato della chance che mi ha offerto la Vianese: col patron Grassi, che fin qui ho conosciuto solo al telefono, e con il ds Bimbi c’è stato subito feeling. L’obiettivo? Consolidare la categoria e puntare alla parte sinistra della classifica". Oltre a Sarnelli lascerà Formigine in direzione Viano anche il centrocampista 2001 Andrea Caselli, mentre per ora gli altri giocatori verdeblù sono in stand by in attesa che la società decida cosa fare. Una delle voci più insistenti è quella dell’uscita di scena dopo una vita di Masi e Arginelli, con un gruppo di imprenditori locali messi insieme dall’ex ds Castelli pronti a subentrare. A Castelfranco tre addii certi: oltre a bomber Bertetti (cercato anche dalla C), saluteranno sicuramente il difensore Palmiero e il terzino Marconi, su cui c’è forte la Vianese, mentre mister Claudio Gallicchio non resterà a Correggio ed è in pole per la panchina del Lentigione in D. Davide Setti

Continua a leggere tutte le notizie di sport su