Quotidiano Nazionale logo
21 mar 2022

"Il rientro di Abdel Aziz? Non so quando tornerà"

Giani: "Comincia un altro campionato. Non vediamo l’ora e sono emozionato"

Van Garderen e Ngapeth ritratti durante la partita disputata ieri fotofiocchi
Van Garderen e Ngapeth ritratti durante la partita disputata ieri fotofiocchi
Van Garderen e Ngapeth ritratti durante la partita disputata ieri fotofiocchi

"Nimir sta migliorando tanto, ma ancora non sappiamo quando tornerà". Giani parla chiaro in conferenza stampa, e senza ufficializzarlo fa capire che contro Milano, domenica, giocherà ancora Leal opposto. Un Leal mvp di ieri sera in un match starano e discontinuo: "Abbiamo perso ritmo già da metà del terzo set – racconta Giani – soprattutto sulle palle alte in fase di muro e difesa, consentendo loro di recuperare. Poi ci siamo riaccesi con una difesa straordinaria di Ngapeth. Leal? Si è dimostrato un ottimo attaccante e per noi il test era più che buono, contro una squadra che ha ottima fisicità e un buon muro. In un match del genere, nel quale sei punto a punto e la Kioene è uno scoglio fisico difficile Leal è stato bravo, anche su palle difficili e dalla seconda linea dove in questi giorni di allenamenti era un po’ più in difficoltà. L’alto livello però chiede di più in difesa e a muro e lui può fare qualcosa in più".

Il tecnico della Leo Shoes analizza poi l’avvicinamento ai playoff: "Nelle ultime quattro settimane abbiamo lavorato molto sull’aspetto fisico, giocando le partite carichi per guadagnare oggi velocità. Ci manca la continuità. Ad esempio abbiamo sbagliato tante battute di pochi centimetri: questo va bene, è lì che stiamo rischiando e lavorando e dobbiamo migliorare sulle coperture e le transizioni". Giani chiude parlando delle caratteristiche genetiche della sua squadra: "Sono giocatori che sentono il sangue, in partite di un certo tipo con certi avversari sono accesi, in partite nelle quali non sentono la luce agonistica accesa vanno spinti. Nei playoff però ogni partita ha le caratteristiche che piacciono a noi, non sono spaventato ma dobbiamo capire che ci vuole continuità, senza aspettare gli avversari e i loro errori". A fine match parola anche a Riccardo Gollini: "Domenica inizia un altro campionato, non vediamo l’ora. Sono molto emozionato".

a.t.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?