CONSIGLI 6. Primo giocatore nella storia del Sassuolo a tagliare il traguardo delle 250 presenze in Serie A, il portiere milanese festeggia con un clean sheet. E se lo guadagna facebdo buona guardia soprattutto sui tanti cross che la Lazio manda in area. TOLJAN 6. Diligente in copertura, puntuale nel proporsi: una distrazione su un retropassaggio al quarto d’ora poteva costare cara, ma passa in cavalleria (29’ s.t. Ayhan 6. Subito nel match) CHIRICHES 6,5. Muriqui non gli dà...

CONSIGLI 6. Primo giocatore nella storia del Sassuolo a tagliare il traguardo delle 250 presenze in Serie A, il portiere milanese festeggia con un clean sheet. E se lo guadagna facebdo buona guardia soprattutto sui tanti cross che la Lazio manda in area.

TOLJAN 6. Diligente in copertura, puntuale nel proporsi: una distrazione su un retropassaggio al quarto d’ora poteva costare cara, ma passa in cavalleria (29’ s.t. Ayhan 6. Subito nel match)

CHIRICHES 6,5. Muriqui non gli dà troppo da fare, Correa – che esce subito, peraltro – nemmeno. Gran ‘muro’ su Cataldi al 70’, si esalta in trincea e chiude in surplace.

FERRARI 6,5. Gioca un’infinità di palloni in impostazione, ne intercetta altrettanti. Bene su Lazzari al 25’ p.t., ma poco dopo rischia grosso affrontandolo in area con più mestiere che tempismo: sempre efficace, comunque, finisce in crescendo.

KYRIAKOPULOS 5. Presenza numero 50 in neroverde per il laterale greco. Costante proiezione offensiva, la sua, che gli frutta il gol quando non è ancora scoccato il 10’. Imperdonabili, tuttavia, i due cartellini gialli che lo mandano negli spogliatoi.

LOPEZ 6. Oppone tecnica e senso della posizione alla fisicità di Akpa Akpro, che di rado ne intercetta le traiettorie. Perfetto fino quando il Sassuolo non resta in dieci, in apnea da lì in avanti: giusto toglierlo (29’ s.t. Bourabia 6. Subito in trincea, mette il fisico dove serve)

LOCATELLI 7. Scuce e ricuce, avvia l’azione del raddoppio e giganteggia in mediana. Giocatore ormai completo e pronto per ben altra ribalta. Al Sassuolo mancherà

BERARDI 7.. Fares prova a guastargli la serata rifilandogli un pestone ‘importante’ alle mezz’ora, ma lui mica si formalizza. Prende quota col passare dei minuti e griffa, con il gol numero 17, il suo record di reti stagionali in serie A.

DJURICIC 5,5. Ritrova l’undici iniziale, ma non lo smalto dei tempi belli. Poco prima di uscire ha una chance, la spreca (11’ s.t. TRAORE 6,5. Scuote l’ultimo terzo di gara, garantendo al Sassuolo con l’uomo in meno transizioni sempre giuste)

BOGA 5. Ci sono le corse, parecchie, ma non gli spunti del miglior Boga (17’ s.t. Rogerio 6. Ottimo su Lazzari al 70’)

DEFREL 6. Il gol al Parma gli ha restituito fiducia, e il ruolo di centravanti è quello che il francese sente più suo. La conseguenza? Percussioni sistematiche e (quasi) mai banali (11’ s.t. Caputo 6. Cerca il gol numero 50 in A, trova prima Strakosha, poi Parolo.

Stefano Fogliani