Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Rimini travolto, Carpi nei playoff

Impresa dei biancorossi che stendono la capolista e salgono al 5° posto scavalcando il Mezzolara

Ghizzardi riceve l’abbraccio dei compagni dopo aver segnato la rete del 2 a 0
Ghizzardi riceve l’abbraccio dei compagni dopo aver segnato la rete del 2 a 0
Ghizzardi riceve l’abbraccio dei compagni dopo aver segnato la rete del 2 a 0

3

RIMINI

0

(4-3-3): Ferretti; Ghizzardi, Boccaccini, Calanca, Montebugnoli; Lordkipanidze, Bolis (38’st Aldrovandi), Borgarello (43’st Bottalico); Villanova (1’st Carrasco), Raffini (35’st Sivilla), Togola (48’st Dipinto). A disp. Lusetti, Uni, Crotti, Vigolo. All. Bagatti.

RIMINI (4-2-3-1): Marietta; Lo Duca, Pietrangeli (17’st Contessa), Panelli, Haveri; Tanasa (35’st Arlotti), Tonelli (12’st Greselin); Piscitella (27’st Andreis), Gabbianelli, Ferrara (21’st Tomassini); Germinale. A disp. Piretro, Cuccato, Deratti, Callegaro. All. Gaburro.

Arbitro: Ramondino di Palermo

Reti: 17’ Raffini, 4’st Ghizzardi, 51’st Sivilla

Note: spettatori 500 circa. Ammoniti Pietrangeli, Tanasa, Ghizzardi, Aldrovandi. Angoli 5-6. Recupero 0’pt e 5’st.

Se il Carpi doveva essere arbitro della lotta per la C ha scelto il modo migliore per farlo: 3 gol al Ravenna secondo a domicilio e 3 alla capolista Rimini al "Cabassi". Una prova scintillante quella dei biancorossi, che hanno dominato la squadra di Gaburro e avrebbero meritato anche un punteggio più largo, nel giorno in cui per la prima volta da inizio anno la squadra di Bagatti fa il suo ingresso in zona playoff al quinto posto, scavalcando il Mezzolara. In campo c’è negli uomini lo stesso 4-3-3 di Ravenna e l’avvio lanciato è lo stesso del "Benelli". Lordkipanidze dal limite sfiora il bersaglio, poi dal corner di Bolis la sponda di Boccaccini innesca Calanca, sulla cui girata vola Marietta, irrompe Raffini che spara forte e per l’arbitro la palla ha varcato la linea, nonostante il salvataggio disperato del portiere. Il gol scalda i biancorossi, che non sfruttano un paio di ripartenze golose e così esce il Rimini. Il tiro cross di Ferrara sbatte sulla traversa, poi Ferretti dice di no al destro affilato di Piscitella. Prima del riposo ci provano anche Tonelli (palla fuori) e poi Boccaccini in spaccata è decisivo per murare lo smarcato Germinale. Nella ripresa il Carpi, con Carrasco per Villanova, è dominante e raddoppia subito con l’imbucata del panamense per il rimorchio alla Dani Alves di Ghizzardi che corona una gara stratosferica. La capolista potrebbe beccare subito la terza sberla, ma la traversa salva Marietta sul missile di Lordkipanidze. Gaburro cerca soluzioni nuove con Tomassini e Arlotti davanti, Bagatti risponde passando al 4-5-1 con Aldrovandi, ma a parte un colpo di testa alto di Greselin non si soffre mai. E così a fine recupero dall’ennesima palla rubata Lordkipanidze impegna Marietta e sul tap in Sivilla fa definitivamente esplodere un "Cabassi" che adesso può finalmente sognare.

Davide Setti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?