Quotidiano Nazionale logo
25 mar 2022

"Sfida al vertice, le polemiche non servono"

I tre doppi ex Ballotta, Rabitti e Nardini sulla questione arbitrale sollevata dai granata: "Fermarsi agli episodi è banale. Entrambe meritano"

alessandro troncone
Sport

di Alessandro Troncone

È una settimana lunga, davvero molto lunga, quella che sta accompagnando Modena e Reggiana all’ennesimo atto di una sfida talmente appassionante che, forse, non aveva bisogno di essere alimentata dalle polemiche. È il pensiero che hanno espresso anche alcuni, celebri, doppi ex di canarini e granata, gente che sa come si vincono i campionati.

A partire da Marco Ballotta, 10 stagioni nel Modena e 2 nella Reggiana: "Non mi sembra il caso, in questo momento, di sfociare nelle polemiche arbitrali – ha detto l’ex portierone – è normale che a Reggio se ne parli perchè ci sono tanti punti dal Modena ma le sviste arbitrali poi si pareggiano, può capitare davvero di tutto nell’arco di un campionato. Le polemiche sono fuori luogo, ci si vuole attaccare a qualcosa ma la stagione non è stata condizionata da questo. Forse si vuole un po’ surriscaldare le ultime giornate. A mio parere, meriterebbero entrambe di andare in B, è un bel duello e per questo lascerei da parte certi discorsi, va bene la competizione ma va limitata al campo. I cinque punti del Modena? È un vantaggio rassicurante se ne vince ancora un paio. Diventano fondamentali le prossime due partite, se il Modena le vincesse allora la Reggiana potrebbe rivolgere i pensieri ai playoff perchè quello è un campionato a parte e bisogna prepararsi diversamente".

Altro grande ex di entrambe, è Mauro Rabitti, tra i più presenti e i più prolifici attaccanti della storia canarina che giocò a Reggio tra la fine degli anni ‘70 e la fine degli anni ‘80: "Anche a mio parere sono due squadre che meriterebbero la B – ha detto – si gioca sul filo di lana. Un campionato è fatto di tantissime partite, certo ci possono essere episodi più evidenti rispetto ad altri ma fermarsi a questo mi sembra un po’ banale. La Reggiana ha buttato via dei punti, magari il Modena è stato fortunato in certe situazioni ma complessivamente gli episodi non scrivono del tutto un campionato. Il vantaggio di 5 punti sta diventando corposo a poche giornate dal termine, di certo non c’è nulla ma arrivati a questo punto si tratta di un grosso vantaggio".

Infine, Riccardo Nardini, 123 presenze nel Modena e 55 nella Reggiana: "Le polemiche si fanno ora perchè, chiaramente, il Modena è primo e la Reggiana non riesce a vincere – ha detto l’ex centrocampista – mi sorprendono le parole che Tosi ha rilasciato ai quotidiani. Lui stesso sa benissimo che gli episodi alla fine si compensano, ce ne può essere uno in meno, uno in più ma non cambia. Credo gli abbia dato molta più noia il gol all’ultimo minuto contro il Pescara del Modena. Ora, l’unico errore che i canarini non devono commettere è subire la pressione di giocare dopo la Reggiana, lunedì sera. E poi devono cercare di vincere tutte le partite che possono, giocando tranquillamente. La continuità è stata e sarà la cosa più importante".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?