Modena Volley - Zaska 3-1 in Champions (FotoFiocchi)
Modena Volley - Zaska 3-1 in Champions (FotoFiocchi)

Modena, 20 dicembre 2018 -  Trento è già alle spalle, e con una convincente vittoria contro i temuti polacchi dello Zaska, l’Azimut Leo Shoes si rimette in carreggiata, trovando in un sol colpo una vittoria importantissima in chiave Champions, ed un successo che ridà morale e fiducia, in vista della delicata sfida di domenica prossima con Verona: non tutto è però filato liscio, e proprio come domenica scorsa, dopo due set concreti, la squadra modenese è decisamente calata dalla terza frazione di gioco in poi, rischiando pesantemente un tie break che sarebbe stato molto complicato.

I gialloblù sono stati bravi a reggere sul piano psicologico nel quarto set, recuperando un parziale che si era messo decisamente male, e che sul 18-21 sembrava irrimediabilmente perso: con una grande reazione di cuore, la squadra di casa è riuscita a riagguantare il set e conseguentemente la partita, portando a casa una vittoria pesante, perché conseguita non sempre giocando benissimo. Ad innervosire gli animi ha contribuito anche l’arbitraggio incerto, soprattutto del primo arbitro, lo spagnolo Bernaola, non sempre lucidisssimo nelle chiamate, e talvolta pasticcione nonostante l’ausilio del video check.

Per due set l’Azimut ha dato la sensazione di essere in grado di portare in porto la partita con relativa sicurezza: troppi gli errori e le indecisioni dei polacchi, nonostante l’ottima regia del francese Toniutti e le splendide giocate del libero Zatorski, veramente spettacolare. Sfruttando a dovere i centrali, Modena sembrava prendere in mano la partita, ma sul 2-0 ha iniziato a commettere troppi errori, mentre dall’altra parte gli ospiti sbagliavano sempre meno: nel terzo set Modena è partita troppo tardi, e non è riuscita più a ricucire il distacco di sei punti accumulati.

Velasco ha continuato ad alternare Urnaut e Kaliberda, cui pure aveva dato fiducia in avvio di partita, e anche Zaytsev è stato costretto ad un giro in panchina per rifiatare, ma nel quarto set, quando sembrava proprio che l’Azimut non fosse in grado di evitare la quinta frazione di gioco, la squadra si è ritrovata.  Gli ospiti, invece, hanno commesso qualche errore di troppo che ha consentito ai gialloblù il riaggancio sul 22 pari e poi di lottare punto a punto annullando anche un set ball con una coraggiosa conclusione di Urnaut, e un suo muro perentorio sulla parallela di Deroo. Modena ha avuto quindi la possibilità di chiudere set e partita, subito sfruttata grazie ad un altro errore del belga, che ha sparato fuori l’ultimo attacco.

 

Il tabellino

Azimut Leo Shoes - Kedzierzyn-Kozle 3-1 (25/23 25/21 22/25 26/24)
AZIMUT LEO SHOES MODENA: Christenson 6, Urnaut 15, Anzani 12, Zaytsev 18, Kaliberda 7, Holt 6, Rossini (L1), Bednorz 10, Pinali 3, n.e. Pierotti, Benvenuti (L2), Truocchio, Van der Ent, Keemink; all.: Velasco.

ZASKA KEDZIERZYN-KOZLE: Sliwska 8, Bienek 8, Toniutti, Deroo 16, Wisniewski 15, Kaczmarek 15, Zatorski (L1), Wojtowicz, Jungiewicz, Walawender, n.e. Szmura, Koppers, Kalembka, Sacharewicz; all.: Gardini.

ARBITRI: Bernaola (Spagna) – Porvaznik (Serbia).

NOTE: spettatori 4.111 per un incasso di 38.151 Euro; durata set 31’ 27’ 27’ 35’ per un totale di 120’. Azimut 77 su 97 (Bat Sb 12, Vinc 4, Muri 7, 2^ L. 9, Ep 20), Zaska 62 su 93 (BS 11, Vinc 3, Muri 8, 2^ L 9, Ep 11). Ammoniti Zatorski ed Anzani, cartellino rosso a Kaczmarek tutti per proteste.