Quotidiano Nazionale logo
22 gen 2022

Comunali Padova, Giordani si ricandida alla guida della città. "Me lo chiedono i padovani"

Il primo cittadino ha annunciato oggi la sua discesa in campo con il centrosinistra. Tra gli avversari, la lista Orizzonti dell'ex vicesindaco Lorenzoni e l'imprenditore Peghin, probabile candidato del centrodestra

featured image
Sergio Giordani, sindaco di Padova

Padova, 22 gennaio 2022 – Giordani scende nuovamente in campo, il sindaco di Padova ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle prossimi elezioni amministrative. Sostenuto dal centrosinistra, schieramento con cui governa la città dal 2017, Sergio Giordani non ha dubbi: “Mi candido perché amo Padova, l’ho deciso insieme alla mia famiglia, loro che sono la parte più importante della mia vita”. Un annuncio fatto stamattina in fretta e furia davanti al caffè Pedrocchi, uno dei simboli della città, confermando ai giornalisti che correrà ancora per la poltrona di palazzo Moroni. Nessun assessore al suo fianco, solo la moglie Lucia.

Quella che sta per aprirsi si preannuncia una campagna elettorale sottotono, il sindaco uscente si contenderà la fascia tricolore con l’amico Francesco Peghin, probabile candidato del centrodestra. L’ex presidente di Confindustria e del Musme, campione del mondo di vela e imprenditore di successo, è la persona scelta da Lega e Forza Italia, anche se a Padova il Carrocio è diviso e teme di perdere pezzi importanti di elettorato.

Approfondisci:

Comunali Padova, 14 sindaci eletti: il centrodestra festeggia

“È presto per parlare di apparentamenti – ha detto stamattina Giordani – faccio in bocca al lupo al candidato del centrodestra Francesco Peghin, per il resto non mi interessa il gossip politico, fino ad oggi ho avuto molte soddisfazioni, ho avuto un buon rapporto con tutte le istituzioni, molti padovani mi chiedono di ricandidarmi, questi cinque anni sono stati bellissimi, amo questa città è per questo che mi ricandido”.

La base su cui può contare Giordani è retta dal Pd, insieme alla lista Coalizione Civica e un l,argo consenso nel mondo civico che lo ha fatto vincere nel 2017 assieme ad Arturo Lorenzoni, che è stato il suo vicesindaco fino a luglio del 2020. Questa volta, però, Lorenzoni non ci sta: la lista Orizzonti, che fa capi a Lorenzoni e all’ex assessore Marco Carrai, correrà in solitaria contro il primo cittadino. I giochi sono ancora tutti aperti, quella che si profila all’orizzonte sarà una tornata elettorale senza grandi compi di scena.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?