Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 lug 2022
21 lug 2022

Funerali vittime venete della Marmolada: oggi l'addio a Erica, David e Nicolò

Chiuse gremite per i funerali nel Duomo di Cittadella a Padova e a Barbarano nel vicentino.  Zaia: "Giornata carica di dolore e cordoglio"

21 lug 2022

Padova, 21 luglio 2022 - A quasi tre settimane dalla tragedia della Marmolada oggi è il giorno dell'addio a Erica Campagnaro e Davide Miotti, 44 e 51 anni, questa mattina dalle 10 nel Duomo di Cittadella (Padova). La coppia ha perso la vita nella tragedia della Marmolada, domenica 3 luglio.  Alle 9:30 a Barbarano (Vicenza) sono stati celebrati i funerali di Nicolò Zavatta, la vittima più giovane, 22 anni, travolto dal ghiacciaio mentre svolgeva un corso di sicurezza e salvamento in crepaccio. 

"Mi unisco al dolore delle famiglie, a nome di tutti i veneti, nel salutare per l'ultima volta questi ragazzi - commenta il presidente del  Veneto Luca Zaia - che amavano la montagna e che oggi salutiamo in una giornata carica di dolore e cordoglio".

L'ultimo addio 

Alle esequie dei tre alpinisti travolti dal ghiaccio della Marmolada lo scorso 3 luglio, hanno partecipato in rappresentanza della Provincia autonoma di Trento, il presidente  Maurizio Fugatti e l'assessore Achille Spinelli . A Barbarano erano presenti anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e il dirigente generale del Dipartimento protezione civile della Provincia autonoma, Raffaele De Col.

"L'amministrazione provinciale e tutta la comunità trentina - commentano Fugatti e Spinelli - sono vicine alle famiglie delle undici vittime, colpite da una enorme e terribile fatalità. Una delle più grandi tragedie che hanno interessato le nostre montagne e che ha visto in campo decine di uomini e donne delle diverse forze della Protezione civile".

Duomo gremito per Davide ed Erica 

Duomo di Cittadella gremito, per il funerale di Davide Miotti ed Erica Campagnaro , le vittime padovane del crollo sulla Marmolada. La comunità  si è stretta attorno alla famiglia, ai due figli della coppia. "Non sarà una valanga di ghiaccio e di sassi a cancellare il vostro amore", le parole di don Luca Moretti nell'omelia. 

In 500 per Nicolò, presente anche l'amico di cordata 

Oltre 500 persone, gran parte delle quali non sono riuscite a trovare posto in chiesa, hanno dato l'ultimo saluto oggi a Barbarano, frazione di Barbarano Mossano (Vicenza), a Nicolò Zavatta, che con i suoi 22 anni era il più giovane del gruppo delle 11 persone morte sul massiccio della Marmolada. 

Presente alle esequie anche l'amico di cordata  Riccardo Franchin , residente nello stesso comune, a Ponte di Barbarano, con il quale Nicolò aveva affrontato la gita in montagna: quest'ultimo è stato ricoverato per una dozzina di giorni all'ospedale di Trento e ancora riporta i segni delle ferite.

Zavatta, l'ultimo ad essere riconosciuto tra le vittime della Marmolada, tramite il Dna della mamma, è stato ricordato dai numerosi amici che hanno voluto tributargli l'ultimo saluto portando sull'altare una pianta di cedro, simbolo dell'immortalità e dell'eternità. Un interminabile applauso ha salutato l'uscita della bara dalla chiesa.

Il 20 luglio i primi funerali delle vittime del crollo 

"Oggi salutiamo per l'ultima volta quattro degli 11 morti sulla Marmolada , domenica 3 luglio". Così  Zaia, presidente del Veneto, ieri ad Isola Vicentina dove si sono svolte le esequie di Filippo Bari , 27 anni e a Thiene quelle di Tommaso Carollo, 48 anni. Sempre ieri nel pomeriggio a Levico c'è stato l'addio alla 58enne Liliana Bertoldi, e a Valdagno a Paolo Dani, guida alpina di 52 anni. 

"Da parte nostra sarà un addio carico di dolore e di cordoglio. Esprimo la vicinanza mia e dei veneti alle famiglie delle vittime di una dalle più grandi tragedie sui nostri monti" le parole di Zaia. 
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?