Immagini di repertorio
Immagini di repertorio

Padova, 22 settembre 2021 – Apprensione e speranza per il neonato venuto alla luce ai primi di settembre e colpito da Covid-19. Le sue condizioni sono stabili, ma rimane ricoverato in prognosi riservata in terapia intensiva pediatrica all'ospedale di Padova. La mamma, non vaccinata, prima negativa a Sars-CoV-2, si era positivizzata a ridosso del parto. Il bambino si era contagiato pochi giorni dopo la nascita: subito alcuni problemi respiratori, poi la situazione si è aggravata e il bimbo è quindi ricoverato da venerdì scorso nel reparto di terapia intensiva pediatrica dell'Azienda ospedaliera padovana, i cui vertici mantengono la massima riservatezza su un caso così delicato. Covid Padova, neonato infettato dalla mamma no-vax: è gravissimo in terapia intensiva

Zaia: "Padova è un centro di eccellenza"

Le condizioni del neonato sono gravi, ma appunto stabili. Sulla vicenda interviene il governatore del Veneto, Luca Zaia: “È una situazione che ci dà apprensione, pensare di avere un neonato in terapia intensiva in un contesto come questo rappresenta un momento di preoccupazione. Pensiamo però di riuscire a venirne fuori; Padova è un centro di eccellenza e ritengo che si possa ben sperare” ha detto oggi Zaia. Il piccolo è stato dato alla luce da una donna positiva al virus; è nato sano, e solo dopo alcuni giorni ha manifestato i sintomi del contagio che hanno costretto al suo ricovero. Zaia ha detto di non essere in grado di “dare bollettini medici; posso solo dire che il direttore generale Dal Ben sta seguendo da vicino la situazione con i clinici”.