Quotidiano Nazionale logo
15 apr 2022

Profughi Ucraina, altri 6 bambini saranno curati a Padova. Zaia: "Siamo in prima linea"

Tra oggi e domani, arriveranno con un volo della Guardia di Finanza sei bambini con diverse patologie e due adulti oncologici

Padova, 15 aprile 2022 – Stanno per atterrare in Veneto con un volo delle Fiamme Gialle sei bambini ucraini con gravi problemi di salute, accompagnati da adulti, tra cui due pazienti oncologici. I piccoli saranno tutti curati dall’Azienda Ospedaliera di Padova, mentre i due adulti verranno presi in carico dall’Istituto Oncologico Veneto. I primi tre bambini sono attesi per oggi: due affetti da neoplasia e uno cardiopatico. Con lo stesso mezzo arriverà anche un'altra persona adulta. Domani, invece, arriverà un ulteriore volo, sempre tramite il servizio internazionale, con a bordo altri tre bambini e un adulto, destinati, rispettivamente, all'Azienda Ospedaliera di Padova e allo Iov.

Approfondisci:

Profughi Ucraina, il Veneto prepara l'accoglienza. "Rifugio a chi scappa dalla guerra"

Approfondisci:

Quattro infermieri veneti sul volo per Parigi salvano la vita a un giovane

"Continua l'arrivo in Veneto di bambini dall'Ucraina – racconta il governatore del Veneto, Luca Zaia – per essere affidati alle cure dei nostri medici e delle nostre strutture sanitarie in Veneto. Solo tra la giornata di oggi e quella di domani, è programmato l'arrivo in Italia di sei bambini dall'Ucraina con voli della Guardia di Finanza. Anche due adulti arriveranno per essere curati allo Iov, dove potranno sottoporsi alle necessarie cure oncologiche”. Sono oltre 13.500 i profughi ucraini registrati in Veneto dalle prefetture, smistati per l’accoglienza tra le province di Venezia (3.265), Treviso (2.544), Vicenza (2.288), Padova (1.784), Verona (1.538), Belluno (1.279) e Rovigo (845).

Approfondisci:

Guerra Ucraina news, combattimenti a Mariupol. Russia: l'operazione finirà presto

“Siamo in prima linea – continua Zaia – e daremo tutto il supporto necessario per curare chi soffre così pesantemente gli effetti della guerra, in particolare i bambini. Il Veneto e la sua sanità continuano ad accogliere e curare soprattutto i più piccini, le vittime più indifese del conflitto in Ucraina".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?