Simone Alberghini
Simone Alberghini

Pesaro, 20 agosto 2019 – Secondo concerto lirico – sinfonico del Rossini opera festival con protagonisti Anna Goryachova e Simone Alberghini, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini diretta da Alessandro Bonato (Teatro Rossini, 23 agosto, ore 16). In programma musiche di Bellini, Rossini e Donizetti. Il concerto infatti – come sottolineano le note di sala – traccia le linee di continuità fra il pre-Romanticismo di Rossini ed il tardo – Belcantismo di Bellini e Donizetti. Visti come confluenza tra vecchio e nuovo che si incontrano, si può dire che non c’è un reale stacco stilistico tra la cavatina di Tancredi di Rossini e quella di Romeo di Bellini scritta a pochi mesi dall’ultima opera rossiniana. Entrambe in programma sono affidate alla voce di mezzosoprano, in ossequio all’eroe en travesti propugnato dagli antichi castrati: voci femminili in corpi maschili.

Oltre alla Sinfonia di Norma e Gazza ladra, i duetti in programma chiudono il cerchio, considerando che il genere dell’opera semiseria, qui rappresentato da Gazza ladra, è il più diretto anticipatore del melodramma romantico, del tipo di Anna Bolena. Padre e figlia si fronteggiano nel duetto Ninetta – Fernando , inseguiti dalla paura per il sopruso di un potente che li insidia.

Nel secondo duetto Giovanna – Enrico da Anna Bolena, campeggia il re d’Inghilterra Enrico VIII che cerca di sedurre la sua nuova amante, convincendola a prendere il posto della legittima moglie e regina Anna Bolena. Fra tante passioni si staglia la brillante pagina dal Viaggio a Reims: Medaglie incomparabili di Don Profondo. Una tipica aria catalogo, in cui il personaggio elenca gli oggetti caratteristici al seguito dei diversi viaggiatori, di varie nazionalità, ospitati nella locanda del Giglio d’Oro