Tommaso Maggioli vi aspetta al frantoio: basta presentarsi col Carlino
Tommaso Maggioli vi aspetta al frantoio: basta presentarsi col Carlino

Cartoceto, 29 aprile 2017 - Andate all’edicola. Acquistate una copia del nostro giornale ciascuno. Quindi, nel pomeriggio, mettetevi in auto e approfittate del ritorno del bel tempo per una scampagnata dalle parti di Cartoceto, con sosta premiata all’osteria del Frantoio del Trionfo, in via San Martino 9 (info 0721 893050). Qui oggi, presentandovi con il Resto del Carlino dalle 15 alle 19, potrete degustare gratuitamente due straordinarie eccellenze locali e nazionali: l’olio Cartoceto dop sulle bruschette appositamente preparate per voi e abbinate a un calice di vino, e la succulenta torta di cioccolato realizzata non con burro e margarine, ovvero con grassi saturi, ma con l’olio solido che è l’invenzione e la specialità di questa osteria: l’olio extravergine di oliva Cartoceto dop solidificato che dona alle torte leggerezza oltre che sapore. In particolare la torta al cioccolato del Frantoio è segnalata come uno dei dolci top. Basta assaggiarla per rendersene conto. Lo potrete fare gratuitamente solo domani. E poi chi vuole potrà anche acquistare direttamente dal produttore il pregiato olio extravergine di oliva Cartoceto dop, oltre all’olio solido per provare a farsi a casa la torta o magari le lasagne all’olio. Per acquistare olio solido dovrete arrivare con una borsa termica per mantenerne la temperatura fino a casa.

L’occasione è ghiotta. Il Frantoio del trionfo è uno dei più suggestivi. Un unicum in Italia: la struttura è originaria del settecento e il sistema di frangitura con cinte e pulegge è uno degli esempi storici più belli della nostra tradizione olearia. I titolari vi faranno anche visitare il frantoio spiegandovi il funzionamento. A seguire potrete optare anche per una cena, che però è a pagamento, ma sempre a prezzo accessibilissimo: 25 euro per degustare gli squisiti piatti salutari della casa, tutti realizzati con olio extravergine di oliva Cartoceto Dop e senza grassi saturi. Potete scegliere tra due soluzioni: tre antipasti (tra cui il, tortino di patate ed erba cipollina con crema di bacelli di piselli, zuppa di fave secche di Fratte rosa e cicoria), e due assaggi di primi (anche strozzapreti piselli, asparagi e salsiccia) e un dolce; oppure tre antipasti e un secondo (arista con erbe di campo appena colte). Si può cenare all’interno dell’osteria, in una saletta molto calda e accogliente con a vista il frantoio dietro alla vetrata, oppure, se la temperatura lo consente, anche all’esterno, nel prato che come un balcone si affaccia alla costa. E per chi vuole c’è anche la passeggiata fino al bellissimo convento di Santa Maria.