Pesaro, 24 agosto 2018 - Record di presenze e incassi per la XXXIX edizione del Rossini Opera Festival che si è chiusa ieri sera con la Petite Messe Solellelle. I dati sono i più alti della storia del festival con 18.300 presenze registrate al botteghino e un incasso di 1.392.000 euro. Confermata la percentuale di stranieri che scelgono il ROF, che rappresenta il 67% del pubblico. I melomani, provenienti da 45 nazioni, vengono innanzitutto da Francia, Germania, Regno Unito, Giappone, Stati Uniti, Austria, Svizzera, Belgio, Spagna e Russia, ma si segnalano anche alcune new entry come Bahrein, Guadalupa e Macedonia.

La stampa ha riservato grande attenzione al Festival. A parte l’Italia, hanno realizzato servizi sul ROF testate provenienti da 25 paesi del mondo: Argentina, Austria, Belgio, Canada, Città del Vaticano, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Inghilterra, Messico, Perù, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, San Marino, Serbia, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Ungheria, Venezuela. Di particolare rilievo l’impegno della Rai-Radiotelevisione Italiana. RadioTre, come tradizione ormai consolidata, ha diffuso in diretta le prime delle tre opere principali in cartellone (Ricciardo e Zoraide e Adina anche sul circuito Euroradio), e la Petite messe solennelle conclusiva.

Nel settore della televisione, grazie alla collaborazione con Rai Cultura - della quale fa parte anche l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, compagine principale del ROF - Rai5 ha dedicato al Rossini Opera Festival l’intera programmazione operistica del mese di agosto, che si concluderà giovedì 30 agosto alle 21.15 con Ricciardo e Zoraide, opera inaugurale dell'edizione 2018. Alcune fasi del Festival sono state inoltre riprese da una troupe di Rai Cultura per realizzare uno speciale del programma In scena, che sarà trasmesso su Rai5 giovedì 4 ottobre alle 21.15.

Le due recite de Il viaggio a Reims, di cui sono stati protagonisti i giovani dell’Accademia Rossiniana, sono state trasmesse in diretta streaming sul sito web, sul canale YouTube e sulla pagina Facebook del Rossini Opera Festival. Il livello internazionale del Festival è stato confermato dalla presenza a Pesaro, accanto ai grandi nomi della critica internazionale, dei rappresentanti di alcuni tra i più importanti teatri e istituzioni musicali: Metropolitan Opera di New York, Deutsche Oper di Berlino, Semperoper di Dresda, Aalto-Musiktheater di Essen, Festival Rossini in Wildbad, Palau de les arts di Valencia, Opera di Tenerife, Royal Opera House di Muscat, Wexford Opera Festival, De Nationale Opera di Amsterdam, Teatro Nacional São Carlos di Lisbona, Opera di Basilea, Maggio Musicale Fiorentino, Festival Verdi di Parma, Teatro Regio di Torino, Teatro Comunale di Bologna, Festival della Valle d’Itria.

Il quarantesimo Rossini Opera Festival, in programma dall’8 al 20 agosto 2019 proporrà due nuove produzioni: Semiramide (direttore: Michele Mariotti; regista: Graham Vick) e L’equivoco stravagante (direttore: Carlo Rizzi; registi: Moshe Leiser e Patrice Caurier). In cartellone anche la ripresa di Demetrio e Polibio, messa in scena nel 2010 a Pesaro da Davide Livermore, diretta da Paolo Arrivabeni, nonché un Gala finale a celebrazione della 40esima edizione del Festival.