Acqua Potabile, Uso Responsabile per Evitare Disastri Futuri

Una lettera chiede di controllare gli abusi sull'acqua potabile, poiché la mancanza di essa può comportare disastri futuri. Le amministrazioni pubbliche dovrebbero trovare un modo per evitare di sprecarla.

Acqua Potabile, Uso Responsabile per Evitare Disastri Futuri

Acqua Potabile, Uso Responsabile per Evitare Disastri Futuri

Gentile lettore, la firma della sua lettera con le sole iniziali le garantisce "immunità" ma sia chiaro che sto scherzando. E’ vero che trattandosi di acqua potabile, ammesso che tutti lo sappiano, molte persone dovrebbero avere degli scrupoli e usarla con riguardo e limiti avendo davanti agli occhi i disastri non solo futuribili ma futuri di cosa può significare la mancanza di acqua, indispensabile alla vita almeno quanto l’aria. Tuttavia, visto che in qualunque situazione quotidiana "non siamo tutti angeli", chi per un verso chi per un altro, e visto anche che le amministrazioni pubbliche ogni tanto se ne escono con campagne pubblicitarie moraleggianti e retoriche a proposito e a sproposito dell’acqua scomodando perfino San Francesco e il suo "Cantico delle creature" con la sua "sorella acqua la quale è molto utile, umile, preziosa e pura...", dovrebbero trovare un modo che consenta nella pratica di tutti i giorni di non sprecarne oltre il dovuto. Ricordo la gran campagna del rilancio delle "Caroline" le storiche fontanelle che in antico erano a disposizione dei residenti dei vari quartieri e che oggi sono per la maggior parte a secco. Con riferimento a quella cui lei fa cenno c’è da sperare che chi di dovere ne controlli in qualche modo gli abusi. Lei che ne pensa?