Al Benelli Vis affamata di punti e continuità. I tifosi aretini arriveranno e saranno 200

Il Tar Marche ha accolto il ricorso di Orgoglioo Amaranto. Dunque i toscani saranno a Pesaro. Formazione: mancherà Karlsson

Al Benelli  Vis affamata di punti e continuità. I tifosi aretini arriveranno e saranno 200

Al Benelli Vis affamata di punti e continuità. I tifosi aretini arriveranno e saranno 200

Ai primi spifferi freddi, la Vis va in cerca di calore. Non quello dei tifosi, sempre garantito, ma quello di una classifica bisognosa di punti. La gara con l’Arezzo di oggi, in tal senso, è una tappa obbligata, prima delle sfide con Cesena e Torres. La continuità è rappresentata dalla serie utile (6 turni), l’urgenza – ribadita da Banchieri – è di prendere confidenza con la porta avversaria. Scarseggiano i gol, più che le occasioni. Mancherà Karlsson, oltre a Neri e Mamona, e sarà un’assenza prolungata alla luce del referto (frattura allo zigomo): per un infortunio simile, Martin Tonso due anni fa ha saltato dieci partite. E’ in forte dubbio Niccolò Gucci, il grande ex: il bomber amaranto, incautamente liberato dalla Vis un anno fa, accusa problemi al flessore; in questi giorni non si è allenato, Indiani tenterà fino all’ultimo di recuperarlo. Al suo posto potrebbe giocare il ceko Kozak, centravanti boa di 1,93; in alternativa l’under argentino Crisafi. Per il resto pochi movimenti nel 4-3-3 di Indiani, dove la fase creativa in avanti è affidata a Guccione e Pattarello.

La Vis ha perso meno dell’Arezzo ma è indietro in classifica. A far la differenza sono le 4 vittorie del Cavallino, l’ultima piuttosto fortunosa contro il Gubbio, grazie anche al rigore parato da Borra a Mercadante: ‘La nostra peggior partita’, ha sentenziato Indiani. Banchieri difficilmente modificherà i capisaldi della sua formazione. La difesa è un punto fermo, il centrocampo ha equilibri consolidati, in attacco potrebbe essere la volta del recuperato Sylla. In settimana il tecnico ha sollecitato parecchio Kemayou Nelson, per il quale si aprono spazi in assenza di Karlsson.

Ci saranno anche i tifosi Arezzo. Il Tar delle Marche ha accolto il ricorso di Orgoglio Amaranto (il comitato di azionariato popolare) annullando il divieto imposto dal prefetto di Pesaro. ‘Motivazioni lacunose, provvedimento incongruo’, alla base della decisione. Infatti faceva generico riferimento a intemperanze nella gara dei toscani contro la Spal, quando invece la gara con Vis non era considerata a rischio. I tifosi toscani a Pesaro saranno quasi 200. Per i tifosi Vis, oltre ai soliti punti vendita, botteghini dello stadio aperti oggi dalle 15,15. Promozione con biglietti a un euro per i tesserati fino a 18 anni delle società sportive del territorio.

Così in campo (stadio Benelli ore 18,30).

Vis Pesaro (3-4-2-1): Polverino; Ceccacci, Tonucci, Zagnoni; Da Pozzo (Mattioli), Valdifiori, Iervolino (Foresta), Zoia; De Vries, Di Paola; Sylla (Pucciarelli). All. Banchieri. A disp. Mariani, Rossoni, Nina, Peixoyo, Marcandella, Loru, Cusumano, Rossetti, Kemayou.

Arezzo (4-3-3): Borra; Montini, Chiosa, Masetti (Risaliti), Coccia; Settembrini, Foglia (Bianchi), Mawuli; Pattarello, Kozak (Gucci), Guccione. All. Indiani. A disp. Ermini, Landucci, Zona, Lazzarini, Poggesi, Damiani, Castiglia, Iori, Gaddini, Crisafi.

Arbitro: Peletti di Crema.