Pesaro, 4 ottobre 2018 - Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro ha arrestato un funzionario pubblico dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro per appalti pilotati. Nell’ambito dell’operazione denominata “Appalti di famiglia” la Finanza ha accertato numerosi reati contro la Pubblica Amministrazione. Oltre al funzionario, l'indagine coinvolge sei imprenditori dell’entroterra pesarese: tutti indagati a vario titolo per induzione indebita e turbata libertà degli incanti.

Le attività investigative, coordinate dalla Procura della Repubblica di Urbino ed eseguite dai finanzieri di Urbino, protrattesi per diversi mesi, oltre all’ascolto di conversazioni telefoniche e ambientali, hanno richiesto pedinamenti e appostamenti. Tutto era partito dopo che i finanzieri avevano notato l’anomalo elevato tenore di vita condotto dal funzionario che gestiva numerosi appalti della Centrale Unica di Committenza dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro.

image

L’aggiudicazione di questi ultimi avveniva sempre ad appannaggio degli stessi imprenditori locali, nonostante le gare pubbliche fossero aperte ad una vasta platea di imprese anche a livello nazionale. In particolare, come appurato a seguito degli approfondimenti investigativi, l’uomo nativo di Borgo Pace (Pesaro Urbino), quale funzionario responsabile delle procedure di gara della citata Unione Montana, turbava le procedure di appalto dell’ente selezionando gli imprenditori “amici” da cui riceveva in cambio dazioni di denaro, anche per effetto delle costanti pressioni esercitate attraverso continue visite presso le sedi delle imprese.

Operazione 'Appalti di famiglia' della Finanza

Di fatto venivano concordati, tra il pubblico ufficiale e gli imprenditori, i requisiti da inserire nei bandi pubblici in modo tale da “pilotare” la scelta della Pubblica Amministrazione su quel determinato concorrente allo scopo di tagliare fuori le altre imprese potenzialmente interessate. Il pubblico ufficiale aveva l’incondizionato sostegno della moglie che, come appurato, ha sempre ricoperto un ruolo attivo negli affari illeciti del marito. La donna, indagata come concorrente morale, sollecitava il coniuge a “riscuotere” e a “farsi rispettare” dagli imprenditori, chiedendo notizie circa l’esito delle “visite a domicilio” eseguite con cadenza mensile dal marito presso le sedi delle società favorite al fine di incassare gli illeciti profitti.

Nelle conversazioni intercettate, la moglie, riferendosi a un imprenditore “moroso” che doveva corrispondere loro “anche 500, 1000 euro al mese”, spingeva il marito a prospettare conseguenze spiacevoli, ossia la mancata aggiudicazione di gare che non sarebbe più avvenuta nemmeno se l’interessato avesse “pianto”. All’esito delle indagini, su disposizione del Gip del Tribunale di Urbino, dott. Vito Savino, le Fiamme Gialle hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del funzionario e diverse perquisizioni personali e domiciliari nei confronti di tutte le persone coinvolte.