"Arriva Mattarella? Quartieri snobbati". Il consigliere Bettini solleva il caso

"Viene il Capo dello Stato e nessuno ci invita. Sono indignato. Dubito che qualcosa cambierà"

"Arriva Mattarella? Quartieri snobbati". Il consigliere Bettini solleva il caso

"Arriva Mattarella? Quartieri snobbati". Il consigliere Bettini solleva il caso

Sale la febbre in città per l’arrivo, il 20 gennaio, del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Non è immune al contagio Alessandro Bettini, consigliere del quartiere centro, il quale ha atteso fiducioso un invito da parte dello staff organizzativo. "Impossibile – sbotta sotto l’arco d’ingresso in centro storico, decorato con i colori della Capitale –. Sono indignato".

Di cosa si indigna consigliere?

"Sono istituzionalmente indignato: viene il Presidente della Repubblica e nessuno pensa di invitare i consiglieri di quartiere. Non ho ricevuto l’invito che in qualità di consigliere di quartiere spetterebbe a me e agli altri rappresentanti dei cittadini. In totale, considerando tutti e 13 i quartierei saremo 150 persone".

L’ evento è aperto al pubblico, anche se, per ovvie ragioni di sicurezza, prevede una prenotazione obbligatoria sul sito Vivatichet.it. Anzi, prevedeva, visto che da qualche ora praticamente il sito web non dà più disponibilità di biglietti. Perché non si è iscritto?

"Ne faccio una questione di principio. Dobbiamo considerare che, dopo i consiglieri comunali, gli unici eletti dai cittadini, sono i consiglieri di quartiere".

Ma lei ha chiesto al presidente del Q1 a riguardo?

"Certo. Ho chiesto al nostro presidente, Luca Storoni, di chiedere. Il riscontro è stato che non è stato previsto un invito per i consiglieri, mentre hanno ottenuto che solo i presidenti saranno invitati".

Quindi?

"Ritengo che sia una disattenzione istituzionale grave. Siamo un collegamento diretto per i cittadini: conosciamo il quartiere perché ci viviamo e siamo spesso investiti dai cittadini delle loro esigenze. Se valutiamo che il Comune di Pesaro ha voluto istituire i Quartieri per dare rappresentanza ai cittadini, è giusto che questa venga rispettata. Invece, il mancato invito, dimostra la scarsa, o peggio nulla, considerazione che l’amministrazione riserva al Consiglio di quartiere. Ma sa che le dico? "

Prego.

"Dubito che qualcosa cambierà con la Capitale della Cultura. Sono indignato, ma per nulla sorpreso di questo atteggiamento".

Perché?

"Basta vedere il comportamento che ci viene riservato anche per questioni di ordinaria amministrazione: potrei fare tanti esempi in cui le decisioni vengono prese senza tenere conto dell’opinione o del contributo che i consiglieri di quartiere possono dare in termini di risoluzione e gestione dei problemi locali".

Bettini fuori gli esempi...

"E’ accaduto in seno alla nuova raccolta differenziata che ha abbandonato il porta a porta, per la prossimità, in centro storico".

Cosa è successo?

"Nella ricognizione per le vie, riguardo la dislocazione dei cassonetti non siamo stati concultati, invece avremmo potuto segnalare anche ai tecnici di Marche Multiservizi criticità riguardo il posizionamento delle postazioni"

Solidea Vitali Rosati