Un gruppo di appassionati con moto Benelli (foto dal sito della Benelli Moto)
Un gruppo di appassionati con moto Benelli (foto dal sito della Benelli Moto)

Pesaro, 17 ottobre 2014 - La crisi investe anche il settore auto e moto. Ad annunciare un piano di ristrutturazione aziendale, che comporterà tra le varie operazioni anche la riorganizzazione della forza lavoro, è oggi la Benelli Q.J. di Pesaro, azienda storica del territorio (che oggi conta circa 70 dipendenti) acquisita dal gruppo cinese della Qianjiang nel 2005.

“Nonostante tutte le azioni messe in campo dalla proprietà per fronteggiare una crisi di mercato senza precedenti – spiega una nota dell’azienda - e il ricorso a ogni forma di ammortizzatore sociale disponibile per tutelare i dipendenti, Benelli Q.J. comunica la necessità di avviare un piano di ristrutturazione che, tra le varie operazioni, riguarderà anche la riorganizzazione della forza lavoro di ogni reparto. Le operazioni di ristrutturazione permetteranno all’azienda, che fino a oggi ha investito oltre 40 milioni di euro, di focalizzarsi nello sviluppo di nuovi business”.

Allo stesso tempo la proprietà cinese annuncia che “Benelli proseguirà la sua attività a Pesaro”, ma che “per salvare l’azienda non è sufficiente il ricorso al contratto di solidarietà per i dipendenti, unico ammortizzatore sociale rimasto a disposizione. E’ necessario – conclude la nota di Benelli - creare una struttura più snella e solida, un passo doloroso, ma obbligato”.