Botte al vigile, condannato commerciante

Botte al vigile,  condannato  commerciante
Botte al vigile, condannato commerciante

Picchiò l’agente che lo aveva multato per un divieto di sosta, ieri la condanna a 6 mesi di reclusione e pena sospesa per l’imputato, un 52enne titolare di un bar con annesso negozio di frutta e verdura di Gabicce Mare. Il poliziotto della municipale si era costituito parte civile e aveva chiesto 20mila euro di risarcimento danni. Il giudice gli ha liquidato una provvisionale di mille euro, rinviandolo per ottenere il resto davanti al Tribunale civile. Il fatto risale a luglio 2021. Succede nella zona centrale di Gabicce Mare, dove l’imputato ha la sua attività. E come ogni mattina, anche quel giorno, il 52enne era stato costretto a sostare in un’area in divieto ma solo per il tempo necessario allo scarico delle merci. Ultimato il rifornimento, l’imputato si era concesso una pausa al bar, ma senza spostare il furgone. In quel frangente erano passati due agenti della polizia municipale, i quali, avevano messo mano al blocchetto dei verbali. Il negoziante si era precipitato fuori dal bar e quando si è sentito chiedere i documenti, invece di consegnarli, avrebbe risposto con minacce rivolte al pubblico ufficiale con frasi come "io non ti do niente, vai via se no ti meno". Ma dalle parole è passato subito ai fatti. E ha colpito con diversi pugni al capo l’agente procurandogli lesioni con prognosi di 10 giorni. E 10 mesi di reclusione è stata ieri la richiesta di condanna della procura. Il giudice gli ha inflitto 4 mesi in meno. Il difensore dell’imputato, l’avvocato Angelo Gencarelli, attende le motivazioni e poi farà appello. e. ros.