ANDREA ANGELINI
Cronaca

Busetto querela l’assessore regionale Antonini

"La ritiro se lascia l’incarico". Il litigio dopo l’incontro con altri agricoltori per parlare dei problemi della categoria

Busetto querela l’assessore regionale Antonini

Busetto querela l’assessore regionale Antonini

Chi pensava che alle parole non avrebbe fatto seguire i fatti probabilmente ha sbagliato soggetto: Andrea Busetto Vicari, l’agricoltore di Montecalvo in Foglia che aveva gridato in faccia all’assessore all’agricoltura Andrea Maria Antonini la rabbia e la indignazione del mondo agricolo ha proceduto con una querela nei suoi confronti. L’accusa è quella di diffamazione, relativa a un post sui social dove l’assessore riporta delle accuse all’agricoltore ritenute non veritiere, come sarebbe confermato anche dal video dell’incontro disponibile sui canali degli organizzatori.

Il terreno di battaglia che ha infiammato gli animi è quello dei danni alle coltivazioni provocati dalla fauna selvatica e la questione da dirimere riguarda quanto scritto da Antonini, il quale afferma che Busetto Vicari gli abbia augurato di morire. "Io invece – controbatte l’agricoltore – gli ho augurato di farsi male con un incidente provocato da un cinghiale, ma di farsi molto meno male di quanto me ne sono fatto io che a poche centinaia di metri dal luogo di quella riunione ho rischiato davvero di morire per colpa di un cinghiale. In quel tempo avrebbe avuto il modo di riflettere sulle sciocchezze dette in quella riunione. Ci sono già stati tentativi di farmi desistere ma ritirerò la querela solo quando questo soggetto non si occuperà più di agricoltura".

Nel frattempo i partecipanti alla riunione, guidati da Cristian Guatieri, altro agricoltore cagliese colpito dai danni dei cinghiali, hanno scritto una lettera ad Acquaroli per sottolineare l’atteggiamento dell’assessore Antonini che non era andato giù ai partecipanti che lo avevano anche ripreso mentre stava sui social sul suo smartphone durante alcuni degli interventi. La lettera è stata firmata da oltre cento agricoltori.

"Con grande delusione – questo un estratto della missiva di Guatieri – vedo con occhi del cittadino la noncuranza dell’assessore Antonini riguardo alle difficoltà economiche di un imprenditore. Un atteggiamento che poi rischia di etichettare il ruolo politico come assente nella vita sociale della nazione e d i conseguenza creare sfiducia nella popolazione. Se invece guardo il tutto da agricoltore, prima della delusione, sento un forte senso di “incazzatura“, per un atteggiamento così poco attento in un momento così difficile per il mondo agricolo. Forse sarebbe necessario per un breve tempo cambiare la poltrona del conducente del trattore con quella dell’assessore. Sono certo che siate tutti d’accordo che ruoli politici così importanti vanno assegnati a persone interessate al bene del popolo e non a chi non cura gli interessi del cittadino".