C’è chi lascia i rifiuti fuori dai ‘lumaconi’ e chi non si è ancora accorto delle novità

A una settimana dall'attivazione delle isole ecologiche informatizzate nel centro storico, si segnalano abbandoni di rifiuti e problemi tecnici. Nonostante ciò, la risposta degli utenti è positiva, con oltre mille accessi al giorno.

C’è chi lascia i rifiuti fuori dai ‘lumaconi’ e chi non si è ancora accorto delle novità

C’è chi lascia i rifiuti fuori dai ‘lumaconi’ e chi non si è ancora accorto delle novità

A poco più di una settimana dall’attivazione del modello ad isole ecologiche informatizzate, che ha ufficialmente accantonato il porta a porta in tutto il centro storico, appaiono sui social i primi post di protesta che segnalano alcuni abbandoni sia davanti ai lumaconi, sia nei piccoli bidoni sparsi per la città.

"Atteggiamenti della cittadinanza che vanno cambiati – sottolinea l’assessore Enzo Belloni, mentre racconta alcuni fatti dei giorni scorsi -: nella maggior parte dei casi gli abbandoni avvengono perché alcuni utenti non hanno dietro con sé la carta per aprire i cassonetti, da alcuni indagini svolte da Marche Multiservizi ci siamo anche accorti che, al momento del rilascio della tessera, alcuni richiedenti non avevano nemmeno pagato la Tari". Ma non è sempre colpa dei residenti: "In altri casi, come per esempio quello segnalato da alcuni utenti sui social ieri mattina (ndr, lunedì mattina), il cassonetto di via Borgomozzo si era inceppato, probabilmente per via di un mal utilizzo da parte di qualche utente, che non ha permesso ad altri residenti di inserire all’interno del lumacone i sacchi con la plastica. Nel giro di qualche ora – continua Belloni –, abbiamo risolto la cosa: gli operatori sono andati a recuperare tutto, sistemando il disagio". Per sopperire al problema, oltre ai due giri di recupero al giorno che compiono gli operatori di Mms, è stato attivato anche un ulteriore giro di raccolta plastica (la più critica) anche la domenica. Così da evitare la possibilità, da parte dell’utenza, di ritrovarsi i cassonetti pieni.

Ma, in generale, "la risposta degli utenti della Ztl del centro storico è ottima – spiega il direttore della funzione Ambiente di Marche Multiservizi Franco Macor – con oltre mille accessi al giorno. Del resto, sappiamo che con questo nuovo metodo di raccolta aumenta la flessibilità di conferimento per i cittadini che non sono più legati agli orari del porta a porta e inoltre miglioriamo il decoro urbano. Abbiamo consegnato 5.500 tessere coprendo l’85% delle utenze. Nella gestione quotidiana del servizio ci rendiamo conto che però c’è ancora qualcuno che non si è accorto delle novità e continua a lasciare i rifiuti fuori casa. Per ora stiamo impegnando un collaboratore per recuperare i sacchetti, ma non possiamo continuare all’infinito".

Sono stati 8mila gli accessi degli utenti alle 23 isole ecologiche all’interno della Ztl in questa prima settimana. Oltre mille al giorno. La percentuale media di riempimento dei cassonetti intelligenti si attesta all’85% per quanto riguarda l’indifferenziata, il 70% per carta e cartone, l’85% per la plastica, il 25% per l’organico e il 15% per il vetro.

Giorgia Monticelli