Città cantiere: lavori per 150 milioni. La corsa di Brunori parte dai quartieri

Dal centro storico al mare, fino alle periferie di Torrette e Cuccurano: il punto con l’assessora ai Lavori pubblici

Città cantiere: lavori per 150 milioni. La corsa di Brunori parte dai quartieri

Città cantiere: lavori per 150 milioni. La corsa di Brunori parte dai quartieri

di Tiziana Petrelli

Dal centro storico al mare, passando per i quartieri immediatamente limitrofi fino ad arrivare alle periferie di Torrette, Pontesasso, Carignano e Cuccurano. Cantieri ovunque e tutti insieme, perché la fine del mandato si avvicina. "Il disagio passa, le opere restano" sottolinea però l’assessora ai Lavori Pubblici Barbara Brunori, correndo da un cantiere all’altro, dove oltre a supervisionare i lavori raccoglie anche i malumori dei fanesi alle prese con il traffico rallentato, i tanti rumori e il gran polverone sollevato dalle ruspe.

Davanti a tutti ci sono mesi caldi di lavori pubblici da completare e da appaltare, ma anche gioie e delusioni per l’assessora. "Sono felice perché faccio quello che mi piace - prosegue Brunori - ma sono oberata di cose da fare". E’ lungo infatti l’elenco degli impegni dell’assessora, che si riflettono sulle vite di tutti noi. "L’altro ieri contabilizzavo i progetti che abbiamo in corso - snocciola i numeri la Brunori -: sono 150milioni di lavori di cui 50 milioni solo di Pnrr. Capite bene che c’è una mole di lavoro enorme dentro il Comune. E per questo non posso che dare un grande riconoscimento e ringraziamento, a tutti i tecnici dei Lavori Pubblici che vanno ben oltre il loro compito. Fano non è una città che dorme".

Girando in auto per la città, ci si rende conto che non c’è quartiere senza cantieri. "A Sant’Orso stiamo finendo l’intervento per la realizzazione della Zona 30 - li elenca Brunori - e la gente si sta lamentando perché vede lo zoccolo dell’attraversamento rialzato, ma quando asfalteremo il tutto sarà più dolce e funzionale, perché dobbiamo ridurre la velocità in via Bellandra e via Galileo Galilei dove ci sono gli interventi più significativi. Così come in via Fanella. Ci sono poi asfaltature diffuse in tutta la città. Poi abbiamo gli interventi al sottopasso di Pontesasso, sul lungomare di Torrette e al Rio Crinaccio dove abbiamo allargato la sezione del tubo di scolo verso mare e adesso stiamo aspettando i parapetti per completarlo".

"Con i lavori al Parco Urbano stiamo avendo grossissimi problemi perché la ditta è inadempiente nonostante i solleciti e la nostra tolleranza: stiamo ragionando sul da farsi con l’ufficio legale e l’ufficio appalti per capire come possiamo proseguire i lavori anche in maniera autonoma. Poi all’interno di quello spazio abbiamo anche la Casa del Parco che procede bene e la Pump Truck (pista saliscendi per mountain bike, una parte asfaltata e una sterrata, ndr), dove stanno lavorando per completare tutto entro i primi mesi del 2024. In piazza Marcolini i lavori, che sono già slittati un po’, dovranno concludersi entro la metà di gennaio: dopo i cordoli appena posizionati si comincerà con la pavimentazione. In piazzale Rosselli i lavori termineranno con certezza a fine novembre e nel frattempo sono partiti i lavori in viale Battisti e per il waterfront di Sassonia. Infine stiamo lavorando alla frana di Carignano, alla scuola di Cuccurano, alla pista Zengarini mentre da lunedì partiranno i lavori per la fognatura di Sassonia, il Centro civico di Gimarra ed anche i lavori nell’area ex Agip".