L'aula vuota di una scuola (Foto Spf)
L'aula vuota di una scuola (Foto Spf)

Urbino, 24 febbraio 2020 – Visto l’espandersi dell’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus, in particolare nella limitrofa Regione Emilia Romagna, il sindaco di Urbino, Maurizio Gambini, ha disposto la chiusura degli asili nido e di tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale da domani, 25 febbraio a giovedì 27 febbraio.

Leggi anche "E' tornato dalla Cina, ha il virus", mamma scatena il panico

La misura è stata adottata in via precauzionale, attraverso apposita ordinanza, in attesa di avere disposizioni certe da parte della Regione Marche e dal Ministero della Salute.

Leggi anche Coronavirus, nessun caso nelle Marche. Ceriscioli: 'Scuole chiuse', e Conte: 'Dietrofront'

Rinviata a data da destinarsi la festa di Carnevale prevista per domani pomeriggio nella Sala del Maniscalco. Si consiglia alle associazioni sportive di sospendere in questi giorni le proprie attività, sempre nell’ottica di prevenire il rischio di eventuali contagi. "Ho sollecitato – spiega il Sindaco – anche l’Università di Urbino, affinché decida in autonomia di sospendere le lezioni, visto che Regione e Ministero non sono stati ancora in grado di adottare questa misura necessaria".

Leggi anche Come difendersi dal virus - Come si cura? Prevenzione decisiva - Le differenze con l'influenza

Pesaro, scuole e attività aperte

"Tutti i casi sospetti oggi sono risultati negativi. Quindi la provincia di Pesaro e Urbino e le Marche sono nella fascia verde, cioè al momento non si registrano problemi particolari. Domani (martedì 25 febbraio) a Pesaro tutte le scuole saranno aperte, tutte le attività continueranno normalmente. Atteniamoci al decalogo del ministero della Salute, ma invito di nuovo alla calma perché il panico può creare più danni del virus. Il prefetto ha fatto un ottimo lavoro di sintesi". Così Matteo Ricci su facebook nell’ultimo notiziario per gli aggiornamenti coronavirus su Pesaro, dopo il comitato provinciale di sicurezza in prefettura. Al tavolo per il Comune anche gli assessori Mila Della Dora (Salute) e Riccardo Pozzi (Sicurezza e Polizia locale): "Domani mattina ci sarà un incontro nazionale con il presidente del Consiglio Conte e tutti i presidenti di Regione che decideranno eventuali altre disposizioni. Ovviamente la situazione è in evoluzione e potrebbe cambiare continuamente: domani mattina faremo un primo aggiornamento dopo la riunione del comitato nazionale. E forse nel pomeriggio il prefetto convocherà di nuovo il tavolo provinciale. Noi continueremo a informarvi sulla situazione", conclude Ricci.  

 

Le direttive del Ministero

Si raccomanda a tutti i cittadini di seguire le direttive precauzionali diffuse dal Ministero della Salute, ossia:
- lavarsi frequentemente le mani;
- porre attenzione all’igiene delle superfici;
- evitare contatti stretti e protratti con persone con sintomi simil influenzali;
- adottare misure di prevenzione ulteriori indicate dal datore di lavoro.



Da domani la Regione metterà a disposizione il numero verde 800 93 66 77, che sarà attivo dalle 8 alle 20 per rispondere alle domande dei cittadini.