Sul posto anche i soccorsi, ma si sono rivelati inutili
Sul posto anche i soccorsi, ma si sono rivelati inutili

Pesaro, 8 dicembre 2019 - Aveva 48 anni ed era padre. Da qualche tempo viveva solo nella zona di via Fratti. Il suo lavoro era quello di agente di commercio. Davide Boccarossa è stato trovato morto ieri intorno alle 13 nella sua camera da letto. A scoprirlo è stato il cognato allarmato dai familiari. E’ così andato a casa, è salito al primo piano con una scala, ha rotto una finestra ed ha trovato il corpo senza vita del 48enne.

La morte sembra essere avvenuta per infarto o per un ictus. Sono arrivati sul posto sanitari del 118 che hanno potuto solo constatare il decesso mettendo la salma a disposizione dell’autorità giudiziaria. Di lì a pochi minuti sono sopraggiunti i carabinieri che hanno effettuato una ricognizione della casa per verificare l’eventuale presenza di persone al momento del decesso.

Nulla lascia pensare a questa eventualità. La casa era in perfetto ordine e non sono stati rinvenuti medicinali o sostanze. Niente di tutto questo. Secondo i primi accertamenti dei medici, l’uomo è morto nel sonno colto da un infarto che non gli ha lasciato scampo. Infatti non ci sono segni di un tentativo di reazione al malore. Da quanto si è appreso, Davide Boccarossa non aveva mai manifestato problemi cardiaci. E’ probabile che venga effettuata l’autopsia.