Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 giu 2022

"Disabili psichici sfrattati" La rabbia delle famiglie

Le comunità protette dell’Asur, attualmente in via Lombroso a Muraglia, saranno trasferite a Mombaroccio: "Là sono isolati, rischiano l’emarginazione"

12 giu 2022
benedetta iacomucci
Cronaca
Le comunità protette a Muraglia
Le comunità protette a Muraglia
Le comunità protette a Muraglia
Le comunità protette a Muraglia
Le comunità protette a Muraglia
Le comunità protette a Muraglia

di Benedetta Iacomucci Sono preoccupati i familiari di una ventina di ospiti della comunità protetta maschile con sede a Muraglia, in via Lombroso. Hanno saputo che quella struttura (ed anche la comunità femminile con altrettante ospiti) dovrà essere trasferita entro settembre 2024 a Mombaroccio, in via Villagrande, dove per altro al momento c’è solo un campo da calcio, così da liberare il sito di Muraglia e dare inizio al cantiere per la realizzazione del nuovo ospedale. A Mombaroccio, invece, è previsto un nuovo Ospedale di comunità da realizzare con i fondi del Pnrr (3,6 milioni). "Non siamo contrari alla realizzazione del nuovo ospedale – dice Tiziana Ranocchi, sorella di un ospite della comunità e portavoce di altri familiari con i quali ha condiviso perplessità e timori – ma ci aspettavamo che il nuovo sito prescelto fosse quanto meno inserito in una realtà meno isolata. Perché quello che serve ai nostri congiunti non è chissà cosa, ma tutta una serie di attività, abitudini, che sono fondamentali per il loro inserimento sociale e per il proseguimento del loro percorso terapeutico". Una routine che permette agli ospiti, con fragilità psichiche più o meno marcate, di costruirsi una autonomia, realizzare una piena integrazione nella comunità, impedire che una condizione comunque cronica li limiti nella loro vita quotidiana. "Loro escono anche da soli – racconta Tiziana –, vanno al bar, prendono i mezzi, raggiungono il mare, l’ipermercato, fanno attività sportiva. Possono contare su operatori bravissimi che comunque li assistono, ma fondamentalmente sono anche in grado di autogestirsi. A Mombaroccio la realtà è completamente diversa: rischiano l’emarginazione, l’interruzione di un percorso ed anche di tutta una serie di rapporti con la comunità e con le rispettive famiglie, che avranno sicuramente molte più difficoltà a raggiungerli in un sito così scomodo e fuori mano. Saranno fuori dal mondo, meno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?