E 83 appartamenti ’sociali’ in ritardo di un anno

Ricordate il progetto di housing sociale che porterà a Villa Ceccolini un’iniezione di appartamenti a canone calmierato? Ecco: da qualche mese i lavori sono fermi. Dall’incontro dell’assessore Della Dora con i privati è emerso uno slittamento, di almeno un anno, riguardo la consegna degli appartamenti, rispetto alla stima iniziale.

"E’ vero – conferma l’assessore Mila Della Dora –. Abbiamo incontrato la società in capo al nuovo complesso residenziale, regolato da una convenzione di housing sociale con il privato (Dea Capital Real Estate SGR Spa”, la società di gestione del fondo immobiliare Civitas Vitae che sta realizzando i lavori). L’accordo permetterà di mettere a bando 83 appartamenti in regime di housing sociale su un totale di 180 abitazioni che verranno realizzate". "Abbiamo chiesto al privato di far conoscere la nuova tempistica con un comunicato ufficiale – conferma Della Dora –. Secondo l’incontro avvenuto due giorni fa, la consegna degli appartamenti non sarà più per l’autunno 2023 e nemmeno inizio 2024, ma sarà nel 2025". Perché? "La ditta che hanno incaricato è la stessa che sta portando avanti un altro cantiere a Vallefoglia – spiega Della Dora –. Attualmente sono concentrati lì e indicativamente dovrebbe finire il cantiere ad ottobre. Presumibilmente a fine anno ripartirà quello di Villa Ceccolini con i tempi slittati di un anno quindi per la consegna".

Il bando per gli alloggi sociali è stato fatto dal Comune. "Abbiamo avuto un centinaio di domande – conclude Della Dora – Gli uffici stanno elaborando la graduatoria provvisoria: questa uscirà entro agosto, terminata la fase istruttoria. Poi seguirà quella definitiva. Il bando prevede affitti lunghi a canone agevolato rinnovabili alla scadenza degli 8 anni qualora la famiglia mantenga lo stesso livello reddituale e quindi la stessa necessità di sostegno".

s.v.r.